Brexit, EMA: è presto per valutare conseguenze

27 giugno, 2016 nessun commento


“Quando avremo informazioni concrete le condivideremo con i nostri stakeholder. Quel che è certo è che Ema continuerà con il suo lavoro con l’obiettivo di proteggere la salute umana e animale e garantire l’accesso a farmaci sicuri, efficaci e di buona qualità”.

L’agenzia Europea dei Medicinali cerca così di rassicurare l’opinione pubblica sugli effetti della Brexit nell’ambito delle politiche e dei processi regolatori relativi ai farmaci.

“I cittadini britannici – si legge nella nota dell’EMA – hanno dato il loro voto ed spetta ora al governo del Regno Unito decidere come agire sul risultato del referendum”. L’art. 50 del Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea, “prevede la procedura da seguire nel caso in cui uno Stato membro notifichi al Consiglio Europeo la decisione di recedere dall’Unione”. Tuttavia, “nessun Paese ha mai deciso di lasciare l’Unione, quindi non ci sono precedenti per questa situazione”

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*