Artrite Reumatoide: positivo trial clinico per neuromodulatore di SetPoint Medical (GSK)

12 luglio, 2016 nessun commento


(Reuters Health) -Un dispositivo impiantabile che stimola il nervo vago ridurrebbe la produzione di citochine TNF con un’azione antiinfiammatoria utile nel contrastare l’artrite reumatoide. A dimostrarlo è stato un trial clinico pubblicato recentemente da PNAS e condotto da Feinstein Institute, Academic Medical Center dell’Università di Amsterdam e SetPoint Medical, che si occupa di apparecchi bio-elettronici per conto di GlaxoSmithKline.

Quello annunciato è il primo studio per valutare l’effetto della stimolazione del nervo vago sull’infiammazione. In un comunicato, le tre parti coinvolte hanno spiegato che il trial clinico ha coinvolto 17 pazienti con artrite reumatoide attiva, molti dei quali avevano fallito la terapia multipla. Sui pazienti, attraverso un intervento chirurgico, sono stati impiantati dei dispositivi di stimolazione a livello del nervo vago, che sono stati poi attivati e disattivati secondo un programma prestabilito. La risposta è stata misurata per 84 giorni e un primo endpoint è stato registrato a 42 giorni valutando l’andamento della malattia a partire dalla consistenza delle articolazioni, dallo stato clinico della malattia e dai livelli sierici di proteina-C reattiva.

 

I risultati hanno mostrato che stimolando il nervo vago ci sarebbe un blocco della produzione di TNF, una delle citochine infiammatorie coinvolte nell’artrite reumatoide, mentre non sarebbero stati riportati eventi avversi gravi. Secondo i ricercatori, l’apparecchio potrebbe risultare utile anche su altre malattie di origine infiammatoria come il morbo di Crohn. “Questi risultati supportano la nostra volontà di sviluppare apparecchi bioelettronici che migliorino la qualità della vita delle persone con malattie infiammatorie croniche e che diano agli operatori sanitari nuove e potenzialmente più sicure alternative, a costi più contenuti”, ha dichiarato il CEO di SetPoint Medical, Anthony Arnold.

Fonte: Reuters Health News

 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*