Vaccini a mRNA, nuove evidenze dal “mondo reale”

Condividi:
Share

(Reuters) – Secondo un nuovo studio statunitense, i vaccini anti COVID-19 a mRNA sono efficaci non solo negli studi clinici ma anche nel “mondo reale”.

Utilizzando i dati relativi a un campione di adulti statunitensi ricoverati tra marzo e maggio 2021, i ricercatori del Vanderbilt University Medical Center hanno scoperto che i vaccini a mRNA di Pfizer/BioNTech e di Moderna “hanno impedito circa l’87% dei ricoveri per COVID-19 che si sarebbero verificati se i vaccini non fossero stati somministrati”

L’efficacia è simile per i due vaccini ed è più alta – 97,3% – tra gli adulti di età compresa tra 18 e 49 anni. Tra gli individui immunodepressi, i vaccini hanno impedito circa il 59% dei ricoveri per COVID-19 che si sarebbero altrimenti verificati. Questo è ancora un “vantaggio sostanziale”, dicono gli autori dello studio, ma “poiché la protezione non è altrettanto buona per le persone con immunosoppressione, crediamo che si debbano comunque prendere precauzioni per evitare di contrarre COVID-19 anche se sono stati vaccinati”.

Fonte: medRxiv, 2021
(Versione Italiana Daily Health Industry)

Notizie correlate

Lascia un commento