Takeda e Portal unite per sviluppare sistema infusione senz’ago

8 novembre, 2017 nessun commento


Un sistema di somministrazione dei farmaci senza ago. È quanto vorrebbero sperimentare, insieme, Takeda e Portal Instruments, che hanno stretto una collaborazione per testare il dispositivo di Portal su Entyvio, il farmaco dell’azienda giapponese per il trattamento della colite ulcerosa e della malattia di Crohn, attualmente somministrato per infusione endovenosa. Ma l’apparecchio potrebbe essere usato, un domani, anche per gli antitumorali.

Come funziona lo strumento hi-tech
Anche se Takeda ha in fase III di sperimentazione una nuova formulazione, sottocutanea del farmaco per l’apparato gastrointestinale, il dispositivo di Portal sarebbe più semplice da usare. Prima di tutto è riutilizzabile: il paziente lo carica con una cartuccia pre-riempita di farmaco e se lo somministra autonomamente, secondo quanto dichiarato dal CEO di Portal, Patrick Anquetil. Il dispositivo pressurizza il farmaco in forma liquida in un getto che, a contatto con la pelle, riesce a penetrare e trasportare il farmaco nell’organismo. Il dispositivo è stato sviluppato dal laboratorio di Ian Hunter, al MIT. A fare la differenza è il fatto che il dispositivo è controllato da un computer, il che consentirebbe di mantenere la stessa quantità di farmaco biologico, tenendo conto di fattori come la variazione della viscosità, che cambia a seconda della temperatura.

I commenti
“Questa partnership dimostra che Takeda vuole mantenere un ruolo leader nel settore delle malattie gastrointestinali e che siamo impegnati nel supporto al paziente alla gestione di queste malattie spesso croniche”, ha dichiarato Stefan Koenig, del programma globale dell’azienda giapponese. Un sistema che non utilizza aghi non solo renderebbe meno dolorosa la somministrazione di farmaci, ma allevierebbe anche l’ansia di sottoporsi a un trattamento invasivo e velocizzerebbe il processo. Secondo Anquetil, mentre si è fatto molto per i farmaci innovativi, la ricerca sui sistemi di somministrazione dei medicinali è stata trascurata. Un’altra azienda che si è distinta in questo settore è stata Velano Vascular, che ha sviluppato un dispositivo, da poco approvato dalla FDA, per il prelievo di sangue senza ago. Un apparecchio che può essere particolarmente utile negli ospedali, dove i ricoverati sono sottoposti a più prelievi nell’arco della giornata.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*