Takeda

(Reuters Health) – Per cercare di ridurre il debito da 59 miliardi di dollari contratto con l’acquisizione di Shire, Takeda sarebbe pronta a vendere diversi farmaci, da OTC a medicinali da prescrizione, ad aziende in Europa Occidentale. L’azienda giapponese spera

Sviluppare una nuova tecnologia di somministrazione di farmaci che trasporti le proteine direttamente nelle cellule, con applicazioni sia in vivo che in ex vivo. È questo l’obiettivo del progetto guidato da Feldan Therapeutics, con sede in Quebec, finanziato da un

Alleggerire il carico a livello di ricerca e sviluppo per far fronte all’acquisizione di Shire. È questo il motivo che ha spinto Takeda a stringere un accordo con Frazier Healthcare per dar vita a una nuova biotech, Phathom Pharmaceuticals, che

(Reuters Health) – A seguito dell’onerosa acquisizione di Shire, Takeda stima una perdita operativa di 193 miliardi di yen, pari a 1,76 miliardi di dollari, per l’anno fiscale in corso e fino a marzo 2020. Nel 2018 la pharma giapponese

(Reuters Health) – Primo disinvestimento per Takeda dopo l’acquisizione di Shire. L’azienda giapponese ha annunciato che cederà a Novartis Xiidra, farmaco per il trattamento dell’occhio secco. L’accordo è stato raggiunto alla cifra di 3,4 miliardi di dollari, più potenziali nuovi

Takeda ha raggiunto un accordo con Skyhawk Therapeutics per utilizzare la piattaforma della biotech nello sviluppo di small molecules che correggano il mis-splicing dell’RNA nelle malattie neurodegenerative. Nell’ambito dell’accordo, Skyhawk utilizzerà la sua tecnologia SkySTAR per scoprire e sviluppare molecole

Ninlaro (ixazomib), il primo inibitore del proteasoma orale di seconda generazione prodotto da Takeda, è ora disponibile anche in Italia. Ixazomib si presenta come capsula da assumere a domicilio una volta a settimana e apre una nuova prospettiva per i

Ridurre i tempi della diagnosi delle malattie rare. È questo lo scopo della Global Commission to End the Diagnostic Odyssey for Children, di cui fanno parte Takeda, Microsoft ed Eurodis-Rare Diseases Europe, insieme a più di 800 organizzazione di malattie

(Reuters Health) – Takeda nel terzo trimestre 2018 ha registrato un aumento del 27,9% nel profitto operativo, sostenuto da forti vendite di farmaci per malattie intestinali e mieloma multiplo. (L’anno fiscale in Giappone termina a marzo, ndr.) Il profitto della

TAK-003, il candidato vaccino di Takeda contro la Dengue, ha raggiunto gli obiettivi in uno studio chiave di fase 3, chiamato TIDES, che ha coinvolto otto nazioni e più di 20.000 partecipanti. Il candidato della casa farmaceutica giapponese si è

Nell’ambito delle operazioni di finanziamento per far fronte acquisizione di Shire, costata 58 miliardi di dollari, Takeda starebbe considerando la vendita di alcuni farmaci destinati ai mercati emergenti, acquisiti otto anni fa dall’azienda svizzera Nycomed. Un asset che, secondo Boomberg,

Takeda non cederà la sua BU di medicinali da banco, almeno quella giapponese. Non sarà questa la strada da battere per contenere il debito da 31 miliardi di dollari legato all’acquisizione di Shire. A dichiararlo è stato lo stesso CEO

Anche il personale può aiutare i vertici di un’azienda, non solo segnalando problemi, ma proponendo soluzioni: è la formula di valorizzazione del capitale umano proposta dal Lean Management, un sistema di gestione del lavoro volto a ottimizzare le risorse di

(Reuters Health) – Ok degli azionisti di Takeda all’acquisizione per 59 miliardi di dollari di Shire, un’operazione che allargherà di molto la pipeline dell’azienda giapponese. Grazie a questa acquisizione, la più grande mai fatta da un’azienda giapponese, la pharma di

Nuovi, ottimi dati per Ninlaro (ixazomib) di Takeda nel trattamento del mieloma multiplo. Nel corso del meeting dell’American Society of Hematology (ASH), la pharma giapponese ha presentato dati di un trial che mostrano come Ninlaro sia in grado di ridurre

(Reuters Health) – La Commissione Europea ha annunciato martedì di aver dato l’assenso all’acquisizione di Shire, da parte di Takeda, per 62 miliardi di dollari, a condizione che l’azienda giapponese ceda un farmaco di Shire, attualmente in sperimentazione per il