Sanofi, un futuro sempre più targato Dupixent

7 novembre, 2018 nessun commento


Il CEO di Sanofi, Olivier Brandicourt, aveva promesso un ritorno alla crescita a partire dalla seconda metà del 2018. Ha mantenuto la parola grazie soprattutto all’ottima performance di Dupixent e alle vendite di vaccini.

“Il terzo trimestre è stato il primo in cui le vendite di nuovi prodotti, guidate da Dupixent, hanno superato la concorrenza dei prodotti a basso costo”, ha dichiarato Brandicourt in occasione della conference call della società. I nuovi prodotti arrivati hanno contribuito a spingere le vendite totali del trimestre a 9,39 miliardi di euro. Gli utili per azione, a loro volta, hanno raggiunto € 1,82 superando le stime degli analisti.

Nella “nuova fase di crescita” per Sanofi, così definita da Brandicourt, Dupixent ha continuato a svolgere il ruolo di trascinatore. Nel terzo trimestre, le vendite del farmaco sono aumentate del 28% rispetto al secondo trimestre, raggiungendo i 225 milioni di euro (254 milioni di dollari). Le prescrizioni totali sono aumentate del 16% negli Stati Uniti, secondo i dati citati da Sanofi. Inoltre queste cifre non tengono conto dell’approvazione statunitense appena ottenuta contro l’asma dal farmaco chiave di Sanofi.

Durante la comunicazione dei risultati del terzo trimestre, il numero uno di Genzyme, Bill Sibold, ha indicato i punti di forza di Dupixent contro l’asma. Tra questi la migliore efficacia terapeutica e i vantaggi di una somministrazione sottocute piuttosto che endovenosa.

Ripresa dei vaccini
Anche i vaccini si sono ripresi nel terzo trimestre dopo una pausa temporanea mentre Sanofi Pasteur ha rapidamente risolto un vincolo di fornitura con Pentaxim in Cina. I vaccini hanno fatto registrare una crescita dell’8,2%, con un fatturato di 2,07 miliardi di Euro nel terzo trimestre e buone previsioni per il resto dell’anno.

Secondo il capo di Sanofi Pasteur, David Loew, due fattori hanno principalmente contribuito al verificarsi di questa rosea prospettiva: l’assorbimento di Pentaxim insieme all’elevata domanda di vaccini prodotti all’estero e l’approvazione negli USA di Flublok, vaccino ricombinante antinfluenzale ottenuto da Sanofi con l’acquisizione di Protein Sciences. La sua recente commercializzazione negli Stati Uniti per la prossima stagione influenzale ha superato le aspettative.

Bene anche in Cina

Come altre big pharma del calibro di Pfizer e AstraZeneca, anche Sanofi sta beneficiando di un mercato cinese in crescita. “Come nei trimestri precedenti, la Cina costituisce un elemento importante vista la forte crescita di vendite sia di farmaci che di vaccini”, ha dichiarato Brandicourt. Per il terzo trimestre, il paese asiatico ha contribuito a una crescita delle vendite del 17,7% che ha raggiunto i 644 milioni di euro.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*