Sanofi, la rivoluzione di dicembre

Sanofi, la rivoluzione di dicembre
Condividi:
Share

(Reuters Health) – Sanofi metterà fine alle sue ricerche nel settore del diabete e delle malattie cardiovascolari nell’ambito di un rinnovamento che contempla anche la riduzione del numero delle Business Unit, allo scopo di sostenere la crescita e il profitto.

È questa la linea che il CEO Paul Hudson – proveniente dal gruppo farmaceutico svizzero Novartis – ha illustrato lunedì 9 dicembre.

La decisione di abbandonare la ricerca sul diabete – annunciata insieme agli obiettivi di risparmio sui costi – segna un importante punto di svolta per un’azienda i cui prodotti hanno dominato il mercato dell’insulina per quasi due decenni prima essere colpiti dalle perdite di brevetti e dal calo delle vendite.

“Riconosciamo che sta diventando sempre più difficile scoprire innovazioni rivoluzionarie e che dobbiamo essere efficienti e spostare le nostre risorse nelle aree opportune. Una scelta difficile”, ha detto Hudson ai giornalisti.

L’azienda si sta espandendo nel redditizio settore dei farmaci antitumorali e pochi giorni fa ha annunciato un accordo per acquistare la società biotech statunitense Synthorx per circa 2,5 miliardi di dollari.

Sanofi ha l’obiettivo di realizzare nuovi risparmi sui costi entro il 2022, restringendo le spese e modificando le strategie. Nel contempo, punta anche a un margine operativo del 30%, in aumento rispetto al 25,8% dell’anno scorso.

Per quanto riguarda i prodotti, la pharma francese ha sottolineato il potenziale di Dupixent, trattamento contro l’eczema, recentemente approvato per altre indicazioni terapeutiche (asma) e considerato in grado di realizzare vendite per oltre 10 miliardi di Euro.

Le entrate per il farmaco, sviluppato con il partner statunitense Regeneron, sono aumentate del 268% nel 2018, raggiungendo i 788 milioni di euro.

Sanofi è attualmente organizzata intorno a cinque business unit globali. Si rifocalizzerà intorno a tre asset principali: assistenza specialistica, che comprende oncologia e malattie rare, vaccini e medicina generale.

La sua BU Consumer Health – nota per prodotti da banco come il paracetamolo Doliprane, il farmaco per la disfunzione erettile Cialis e il trattamento contro l’influenza Tamiflu – avrà un’attività autonoma.

Fonte: Reuters Health News
(Versione italiana per Daily Health Industry)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*