Novartis: revisione FDA prioritaria per crizanlizumab

17 Luglio, 2019 nessun commento


Condividi:
Share

La FDA ha accettato di rivedere la richiesta di autorizzazione di crizanlizumab, SEG101, il candidato di Novartis in studio nel trattamento dell’anemia falciforme. La revisione sarà prioritaria e il responso arriverà in soli sei mesi, come comunicato dall’azienda svizzera ieri.

Se approvato, il medicinale andrà a unirsi ad altri farmaci Novartis di successo già lanciati o in procinto di arrivare sul mercato, come Mayzent, per la sclerosi multipla, Zolgensma, per l’atrofia muscolare spinale, e brolucizumab, candidato nel trattamento della degenerazione maculare senile, anche questo sottoposto a revisione prioritaria.

Crizanlizumab, che Novartis ha acquisito con Selexys Pharmaceuticals nel 2016, è stato messo a punto per prevenire le crisi vaso-occlusive (VOC), gli eventi dolorosi derivanti dall’ostruzione dei vasi sanguigni nei pazienti con anemia falciforme. Il farmaco, in particolare, riduce gli aggregati di cellule che bloccano il flusso sanguigno prendendo di mira la proteina P-selectina.

In uno studio di fase II, crizanlizumab, somministrato una volta al mese, ha ridotto il tasso medio di VOC che richiedevano visite mediche del 45,3% in un anno rispetto al placebo. Inoltre, più del doppio dei pazienti con crizanlizumab non ha avuto crisi.

 

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*