Lonza: a Houston il più grande stabilimento per la terapia genica

11 aprile, 2018 nessun commento


(Reuters Health) – Lonza scommette su miliardi di virus “personalizzati”, messi a punto in un gigantesco stabilimento a Houston da 250 mila metri quadrati. Da qui i ricercatori della pharma svizzera, utilizzando questi organismi biologici, produrranno componenti chiave per terapie genetiche e cellulari rivolte a un ampio ventaglio di patologie. L’impianto texano di Lonza sarà il più grande laboratorio del mondo per le terapie geniche. “Rendere l’investimento redditizio non è cosa facile per un’azienda abituata a occuprasi della fase clinica dei farmaci e non dell’attivià di marketing”, dice Andreas Weiler, responsabile delle tecnologie emergenti di Lonza. L’azienda svizzera è una contract manifacturing organization (CMO), ovvero una società che ha il suo business core nella produzione e nella fornitura di farmaci per altre aziende.Il CEO Richard Ridinger si aspetta che la scommessa di Lonza nel settore della terapia genica permetta un salto delle vendite da mezzo miliardo a 7,5 miliardi di franchi svizzeri annui, e una crescita dei margini EBITDA al 30% entro il 2022 (lo scorso anno si sono attestati sul 24,8%). La strategia non è priva di rischi. Quello della terapia genica è un mercato ancora agli albori e il raggiungimento degli standard di qualità è operazione ancora difficile. Ma l’industria ci crede: l’Association of the British Pharmaceutical Industry ritiene che questo settore arriverà a valere 21 miliardi di dollari annui entro il 2025. L’ostacolo principale all’affermazione sul mercato delle terapie greniche è rappresentato dai costi. Luxturna, terapia genica contro la cecità di Spark approvata a dicembre 2017, costa negli Stati Uniti 850.000 dollari per paziente; per ogini trattamento con Kymriah di Novartis, indicata contro la leucemia infantile, si spendono 475.000 dollari. Con i suoi 373.000 dollari, Yescarta di Gilead contro il linfoma a grandi cellule B, sembra relativamente economico.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*