IBM: allarme attacchi informatici per la logistica dei vaccini

Condividi:
Share

(Reuters) – In un post pubblicato sul suo blog, IBM ha lanciato un allarme su possibili attacchi hacker contro le aziende che si occupano di distribuzione dei vaccini contro il COVID-19.

L’azienda di tecnologie informatiche dichiara di aver scoperto una “campagna di phishing globale” che punta alle organizzazioni che si occupano della “catena del freddo”, necessaria a mantenere le dosi di vaccino contro il nuovo Coronavirus a temperature estremamente basse.

Avere una ‘catena del freddo’ sicura è fondamentale per distribuire vaccini sviluppati da aziende come Pfizer e BioNTech, il cui prodotto deve essere conservato a 70° sotto lo zero.

L’unità di sicurezza informatica di IBM ha rilevato la presenza di un gruppo di hacker che lavora per raccogliere informazioni su diversi aspetti della catena del freddo attraverso e-mail inviate a nome di un dirigente di Haier Biomedical, un fornitore cinese di catena del freddo specializzato in trasporto e conservazione di vaccini e campioni biologici.

Secondo Claire Zaboeva, analista di IBM che ha contribuito alla stesura del rapporto sicurezza, gli hacker hanno compiuto uno sforzo “eccezionale”, inviando false e-mail di Haier a circa 10 organizzazioni diverse. Il report ha identificato l’obiettivo principale dell’attacco: il Directorate-General for Taxation and Customs Union della Commissione Europea, che si occupa di questioni fiscali e doganali in tutta l’Unione e che ha contribuito a fissare le regole sull’import dei vaccini.

La Commissione Europea ha affermato in un comunicato di essere a conoscenza di essere stata presa di mira dagli hacker e ha affermato di aver “preso le misure necessarie per contenere l’attacco”. Secondo IBM altri obiettivi sarebbero le aziende che producono pannelli solari, che vengono usati per alimentare i frigoriferi, e prodotti chimici, usati per ricavare ghiaccio secco.

Notizie correlate

Lascia un commento