GSK, il programma per ASCO 2020

GSK, il programma per ASCO 2020
Condividi:
Share

GlaxoSmithKline presenterà nuovi dati al prossimo incontro annuale dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO), che si terrà dal 29 al 31 maggio 2020.

Si tratta di presentazioni relative a terapie sperimentali, tra cui belantamab mafodotin, un anticorpo coniugato per il mieloma multiplo e GSK3359609, un agonista inducibile del co-stimolatore delle cellule T (ICOS) per pazienti con carcinoma a cellule squamose della testa collo recidivante o metastatico.

“Questi sono tempi difficili: mentre stiamo lavorando per combattere la pandemia di COVID-19, stiamo anche continuando a perseguire il nostro obiettivo di supportare i malati di cancro sviluppando e mettendo a disposizione farmaci trasformazionali che possano aiutare a migliorare la sopravvivenza e ad avvicinarci a potenziali cure – dice Axel Hoos, Senior Vice President e Head of Oncology R&D, GSK – Siamo lieti di condividere questi progressi con i nostri colleghi dell’ASCO, con la consapevolezza che c’è ancora molto da fare per vincere i tumori su cui stiamo lavorando”.

Targeting investigativo di BCMA nel mieloma multiplo recidivato / refrattario
L’antigene di maturazione delle cellule B (BCMA) viene universalmente espresso nei pazienti con mieloma multiplo. Avere come obiettivo questa proteina di membrana è diventato un settore di ricerca per un approccio terapeutico a questo tumore. I dati del programma di sviluppo allargato di belantamab mafodotin DREAMM (DRiving Excellence in Approaches to Multiple Myeloma) mirano a valutare questo potenziale approccio nei diversi setting di trattamento del mieloma multiplo recidivato/refrattario e di nuova diagnosi.

Le presentazioni GSK di maggior interesse comprendono:
• risultati a nove mesi dello studio pilota DREAMM-2 con belantamab mafodotin (GSK2857916) in pazienti con mieloma multiplo recidivato/refrattario, refrattari agli inibitori del proteasoma, ad agenti immunomodulanti e refrattari e/o intolleranti agli anticorpi monoclonali anti-CD38 (abstract #8536; presenter, Lonial S).

• Dati preliminari dello studio DREAMM-6 sulla sicurezza e tollerabilità di belantamab mafodotin in combinazione con bortezomib/desametasone nel mieloma multiplo recidivato/refrattario (abstract #8502; presenter, Nooka A).

Niraparib nel tumore ovarico
Ad aprile la FDA ha approvato niraparib, un inibitore orale in monosomministrazione giornaliera della poli (ADP-riboso) polimerasi (PARP), come trattamento di mantenimento di prima linea in monoterapia per le donne con tumore ovarico epiteliale avanzato, delle tube di Falloppio o tumore primario peritoneale che hanno risposto ad una chemioterapia di prima linea basata su derivati del platino, indipendentemente dalla presenza di biomarcatori. All’ASCO queste presentazioni faranno il punto sull’utilità di niraparib nel tumore ovarico.

Studio in corso su carcinoma squamoso testa-collo
GSK3359609 è un anticorpo ICOS-agonista in fase sperimentale, disegnato espressamente per potenziare la funzione delle cellule T e favorire la risposta antitumorale nei pazienti.

Le presentazioni all’ASCO fanno il punto su quanto emerge dagli studi in corso circa il potenziale anti-neoplastico della stimolazione degli ICOS-recettori attraverso questo anticorpo agonista, sia in monoterapia, sia in combinazione con gli inibitori di checkpoint immunitario indicati nel trattamento del carcinoma a cellule squamose del testa-collo.

• Analisi aggiornata dell’agonista-ICOS (Inducible T-cell Co-stimulatory Receptor Agonist), GSK3359609 (GSK609), in combinazione con pembrolizumab in pazienti con carcinoma a cellule squamose del testa-collo naive al trattamento con Anti-PD-1/L1 . (abstract #6517; presenter, Angevin E).

• INDUCE-1: Risultati relativi alle coorti run-in per la valutazione della sicurezza che combinano GSK3359609 (GSK609), agonista del recettore co-stimolatore inducibile delle cellule T (ICOS) con chemioterapia platino+ 5-FU (5-FU / plat), con o senza pembrolizumab (PE), per il trattamento dei tumori solidi avanzati (abstract # 6544; presentatore, Massarelli E).

Dostarlimab nel carcinoma endometriale
Dostarlimab è un anticorpo monoclonale death-1 (PD-1) in fase di sperimentazione che ha dimostrato risultati clinicamente significativi in donne con carcinoma endometriale (dMMR) con deficit di riparazione (dMMR) ricorrente o avanzato che hanno progredito durante o dopo un regime a base di platino. Dostarlimab continua ad essere valutato sia in monoterapia, sia in combinazione con altre molecole su tumori solidi.

ENGOT-EN6 / NSGO-RUBY è uno studio multicentrico di fase III, randomizzato, in doppio cieco, multicentrico su Dostarlimab + carboplatino-paclitaxel rispetto al placebo + carboplatino-paclitaxel nel carcinoma endometriale avanzato ricorrente (primario) (estratto # TPS6107; presentatore, Mirza M).

Taggato con:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*