GE Healthcare, partnership con Intel e Ndivia

28 novembre, 2017 nessun commento


Migliorare la cura dei pazienti e ridurre i costi per gli ospedali e i sistemi sanitari sfruttando le potenzialità delle tecnologie digitali, dal Cloud all’intelligenza artificiale. È questo l’obiettivo di GE Healthcare, divisione medicale di General Electric, che ha annunciato nuove collaborazioni con Intel e Nvidia.
Grazie alla partnership con Intel, GE punta ad accelerare i processi di imaging digitale attraverso sistemi basati su infrastrutture computazionali Edge e su Cloud. Ampliando la collaborazione con Nvidia, invece, GE intende integrare una sofisticata piattaforma di intelligenza artificiale in 500.000 dispositivi di imaging presenti in tutto il mondo per migliorare la velocità di elaborazione dei dati sanitari.
La partnership con Intel
La partnership tra GE Healthcare e Intel verterà sulla messa a punto di soluzioni digitali di diagnostica per immagini basate su tecnologie Edge Computing e Cloud. Le soluzioni saranno in grado di offrire una maggiore efficienza all’interno degli ospedali, grazie al miglioramento delle prestazioni, alla riduzione del rischio per il paziente e dell’esposizione al dosaggio – con una più rapida elaborazione delle immagini – e a tempi rapidi per la diagnosi e il trattamento. GE Healthcare utilizzerà la nuova piattaforma Intel Xeon Scalable con l’obiettivo di ridurre fino al 25% il costo totale di proprietà dei dispositivi di diagnostica per immagini. Combinata con le soluzioni di imaging di GE Healthcare, la piattaforma Intel Xeon Scalable può migliorare la capacità di lettura dei radiologi rispetto alle tecnologie di generazione precedente, riducendo il tempo della prima visualizzazione delle immagini a meno di 2 secondi e i tempi di carico di uno studio completo a meno di 8 secondi.

La collaborazione con Nvidia
GE Healthcare e Nvidia  amplieranno la loro partnership in corso per integrare una sofisticata piattaforma di intelligenza artificiale in 500.000 dispositivi di imaging GE presenti in tutto il mondo, con l’obiettivo di migliorare la velocità di elaborazione dei dati sanitari. Grazie all’utilizzo della piattaforma computazionale per l’intelligenza artificiale di Nvidia, il nuovo tomografo computerizzato di GE Healthcare, Revolution Frontier CT, si è dimostrato infatti due volte più veloce nell’elaborazione delle immagini rispetto al suo predecessore. Le unità di elaborazione grafica (GPU) Nvidia saranno usate anche nel Vivid E95 4D Ultrasound System di GE, una tecnologia a ultrasuoni che permetterà di analizzare il sistema cardiovascolare con una visualizzazione e una quantificazione rapida e accurata, migliorando la ricostruzione e la visualizzazione del flusso sanguigno. Inoltre, i moduli della nuova piattaforma di analisi Applied Intelligence di GE Healthcare useranno le GPU Nvidia, la piattaforma CUDA e il contenitore Nvidia GPU Cloud per accelerare la creazione, l’installazione e l’uso di algoritmi di deep learning in nuove applicazioni sanitarie che saranno integrate nei flussi di lavoro e nelle attrezzature cliniche e operative.
Le soluzioni di deep learning accelerate dalle GPU Nvidia possono infatti essere utilizzate per progettare reti neurali più sofisticate per applicazioni in questo settore: dalla valutazione delle condizioni mediche in tempo reale fino all’analisi predittiva per il processo decisionale clinico. In quest’ottica, la partnership con GE Healthcare mira a ridurre le dosi di radiazioni erogate ai pazienti, velocizzare i tempi degli esami e migliorare la qualità delle immagini mediche. Oggi, un ospedale medio genera 50 petabyte di dati all’anno attraverso immagini mediche, grafici clinici e sensori, nonché fonti operative e finanziarie. Tuttavia, meno del 3% di tali dati sono utilizzabili, etichettati o analizzati. GE Healthcare e Nvidia sfrutteranno la maggior parte di questi dati combinando le potenti applicazioni sviluppate con i clienti, i dispositivi medicali migliori della categoria e la velocità di elaborazione delle GPU Nvidia. Il tutto per rendere l’intelligenza artificiale una realtà nel settore sanitario.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*