Bottalico (Takeda): IA è già una realtà e diventerà il futuro della sanità

Condividi:
Share

L’intelligenza artificiale applicata al mondo della Salute. Questo il tema al centro della terza edizione dell’Annual Artificial Intelligence in Pharma Summit, l’evento online che riunisce diversi player del settore e gli esperti di Innovation e Digital delle più importanti aziende farmaceutiche globali.

Per Takeda Italia è intervenuto il Digital Healthcare & Innovation Head, Davide Bottalico, per raccontare l’esperienza di un’azienda riconosciuta come best in class per agilità e innovazione e costantemente impegnata a sviluppare iniziative di valore per i pazienti, a cui garantire un futuro migliore anche tramite nuove soluzioni di digital healthcare.

“La pandemia, seppur con un colpo di frusta drammatico per milioni di persone, ci mostra alcuni aspetti da cui trarre insegnamento: l’emergenza sta stimolando l’innovazione che sempre più spesso permette ai pazienti di essere seguiti da remoto, alleggerendo così gli ospedali e le strutture sanitarie – ha sottolineato Davide Bottalico – La raccolta di dati e l’intelligenza artificiale sono ormai un fattore chiave nel settore della sanità, che deve sviluppare e consolidare le buone pratiche di telemedicina. Lo sviluppo di queste nuove tecnologie, atte a facilitare il rapporto medico-paziente senza prevedere lo spostamento fisico delle persone, è sicuramente già una realtà presente e diventerà a tutto tondo il futuro della sanità”.

L’Annual Artificial Intelligence in Pharma Summit è un momento in cui aziende farmaceutiche, associazioni di categoria e organizzazioni sanitarie si confrontano per raccontare e proporre le proprie innovazioni, scientifiche ma soprattutto tecnologiche.

“L’utilizzo dei Big Data è ancora più importante in un momento storico come quello che stiamo vivendo, con una pandemia globale in atto, in cui è emerso chiaramente come l’utilizzo di soluzioni tecnologiche come le App di ausilio al tracciamento possano aiutare a prevenire focolai e monitorare, in maniera scientifica, le aree più a rischio” ha aggiunto Bottalico.

All’Annual Artificial Intelligence Takeda ha presentato LeggoXTe, il primo chatbot dotato di intelligenza artificiale che permette la consultazione intuitiva, rapida e interattiva dei foglietti illustrativi dei farmaci Takeda, semplicemente richiedendo le informazioni all’interno di una finestra di chat.

La stessa funzione è accessibile, oltre che dalla app nativa TakedaScan, anche dagli assistenti vocali Google Home e Amazon Alexa, grazie ad una skill che supporta il Natural Language Process (NLP).

La multipiattaforma digitale, grazie agli smart speaker, permette l’accesso ai foglietti illustrativi anche a non vedenti, ipovedenti e a quanti sono impossibilitati alla consultazione cartacea.

Per queste caratteristiche LeggoXTe ha ricevuto il patrocinio dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti (UICI) e di Cittadinanzattiva ed è stata premiata come Best Digital Innovation 2019 dalla rivista Popular Science.

“La forte spinta all’innovazione che caratterizza l’azienda ha portato a esplorare il mondo dell’innovazione digitale: la Digital Health è quindi diventata un asset di fondamentale importanza, per dare un reale contributo al miglioramento della qualità di vita delle persone, e questo impegno si è concretizzato dal 2016 in una serie di progetti ad alto tasso di innovazione digitale, tra cui laboratori virtuali per i clinici, applicazioni per i pazienti e attività dedicate ai dipendenti– ha concluso Bottalico – Takeda continua nel suo impegno per l’innovazione digitale perché questa strategia è parte importante della proposta di cura per i pazienti, implementando sempre nuovi servizi integrativi all’offerta terapeutica: attraverso MyHospitalHub aiutiamo la gestione delle risorse nei centri ospedalieri, con Takeda Virtual Lab coinvolgiamo i clinici nella fase di laboratorio di creazione dei farmaci e con il Rare Disease Hackathon promuoviamo la nascita di progetti innovativi nell’ambito delle malattie rare, per citare alcuni dei progetti che seguiamo.”

Notizie correlate

Lascia un commento