Approvazione vaccini Covid, il punto dell’OMS

Condividi:
Share

(Reuters) – L’Organizzazione mondiale della sanità prevede di approvare, nelle prossime settimane/mesi, diversi vaccini anti COVID-19 sia di produttori occidentali che cinesi, con lo scopo di implementare rapidamente la distribuzione dei prodotti nei paesi più poveri.

COVAX, il piano globale co-guidato dall’OMS, ambisce a fornire quest’anno almeno 2 miliardi di dosi di vaccini anti COVID-19 in tutto il mondo. Di queste, almeno 1,3 miliardi saranno destinate ai paesi più poveri.

Nella corsa ai vaccini, le approvazioni normative sono fondamentali sia per confermare efficacia e sicurezza sia per aumentare la produzione. Ma alcuni paesi più poveri si affidano principalmente alle approvazioni dell’OMS perché hanno una capacità normativa limitata.

Per questo motivo, secondo quanto si apprende da un documento redatto da COVAX, l’OMS sta “accelerando” le approvazioni di emergenza e ha redatto un calendario delle approvazioni.

Il vaccino anti COVID-19 sviluppato da AstraZeneca e prodotto dal Serum Institute of India (SII) potrebbe essere autorizzato dall’OMS alla fine di gennaio o a febbraio.

Lo stesso vaccino prodotto in Corea del Sud da SK Bioscience potrebbe invece ricevere l’ok nella seconda metà di febbraio.

Il calendario delle approvazioni  fissa per la fine di febbraio il via libera al vaccino di Moderna.

Il vaccino sviluppato da Johnson & Johnson, che ha un accordo non vincolante per fornire a COVAX 500 milioni di dosi per un periodo di tempo non specificato, dovrebbe invece ottenere l’approvazione dell’OMS a maggio o giugno

L’OMS sta anche valutando possibili approvazioni rapide per due vaccini cinesi. Sinopharm e Sinovac hanno presentato le loro richieste all’OMS, che le sta esaminando e potrebbe prendere la decisione non prima di marzo, nella migliore delle ipotesi.

Non è ancora stata individuata una data per l’approvazione del vaccino russo Sputnik V, nonostante i suoi sviluppatori abbiano già presentato la documentazione occorrente.

Fonte: Reuters Health News

(Versione italiana Daily Health Industry)

Notizie correlate

Lascia un commento