AbbVie torna a lavorare su farmaco sperimentale contro l’Alzheimer

Condividi:
Share

AbbVie ripristina la partnership con Alector dopo aver abbandonato uno dei due farmaci anticorpali che le aziende hanno testato come potenziali trattamenti per la Malattia di Alzheimer.

AbbVie e Alector continueranno a collaborare sul secondo farmaco anche se i trial clinici – giunti alla fase intermedia – dimostrano che può provocare una particolare forma di edema cerebrale in alcuni pazienti affetti da Malattia di Alzheimer su base genetica.

Alector è una delle poche biotech che cercano di sfruttare il sistema immunitario per curare i disturbi neurologici, compresa la Malattia di Alzheimer.

Nel 2017, AbbVie ha pagato 205 milioni di dollari in anticipo per i diritti sui due farmaci che mirano a stimolare le cellule immunitarie del cervello, chiamate microglia, necessarie per contrastare la malattia.

Il farmaco per il quale AbbVie ha restituito i diritti, denominato AL003, aveva completato gli studi di Fase 1 su volontari e pazienti sani. Alector ha riferito che non c’erano segnali di allarme circa la sicurezza e il candidato aveva raggiunto l’obiettivo prefissato, una proteina della microglia chiamata CD33.

Tuttavia, i dati della sua efficacia biologica non erano sufficienti per supportare l’ulteriore sviluppo del programma. AL002, l’altro candidato di AbbVie e Alector, sta invece proseguendo il suo percorso in uno studio di fase 2 che dovrebbe fornire i dati alla fine del prossimo anno.

Notizie correlate

Lascia un commento



SICS Srl | Partita IVA: 07639150965

Sede legale: Via Giacomo Peroni, 400 - 00131 Roma
Sede operativa: Via della Stelletta, 23 - 00186 Roma

Daily Health Industry © 2022