Yuhan: a Janssen lo sviluppo di lazertinib

7 novembre, 2018 nessun commento


La casa farmaceutica sudcoreana Yuhan ha concesso in licenza lazertinib, il suo farmaco contro il cancro ai polmoni, a Janssen Biotech per 50 milioni di dollari, cifra alla quale si aggiungeranno altri 1,2 miliardi di dollari in milestones.

Il farmaco, un inibitore della tirosin-chinasi EGFR di terza generazione, ha già prodotto risultati positivi in ​​uno studio clinico di fase 1/2 contro il carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC).

Lazertinib è tuttavia ancora molto lontano da Tagrisso (osimertinib), farmaco rivale di terza generazione in rapida crescita prodotto da AstraZeneca. Questo farmaco si è già affermato come trattamento di seconda linea contro l’NSCLC con mutazioni EGFR e quest’anno ha ottenuto le prime approvazioni come opzione terapeutica di prima linea.

Per quanto riguarda Lazertinib, secondo quanto comunicato in occasione dell’ultimo congresso ASCO, i primi dati hanno mostrato un tasso di risposta globale del 66% in pazienti affetti da NSCLC EGFR-positivo, progredito nonostante l’utilizzo di altri inibitori EGFR. Con la dose somministrata nel test successivo (240 mg una volta al giorno), il tasso di risposta è salito all’86%.

Yuhan ha lavorato molto su lazertinib per renderlo capace di attraversare la barriera emato-encefalica e le prove preliminari l’efficacia del farmaco nel trattamento di pazienti con metastasi cerebrali secondarie a cancro polmonare. Il tasso di risposta positiva nello studio di questi casi è stato del 55%.

Janssen Biotech sta pianificando con Yuhan, per l’anno prossimo, nuove sperimentazioni di lazertinib. L’idea è di utilizzarlo sia in monoterapia che in combinazione con altri farmaci. Le due società sperano che i risultati consentiranno di svilupparlo come un rivale di Tagrisso nella terapia di prima linea. L’accordo di licenza arriva appena poche settimane dopo che J & J ha abbandonato uno studio di fase avanzata, in partnership con Geron, su Imetelstat, inibitore della telomerasi.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*