UCB, all’EADV i dati preliminari dello studio BE BRIGHT su bimekizumab

Condividi:
Share

UCB ha annunciato nuovi dati preliminari dallo studio in open lable extension (OLE) BE BRIGHT relativamente alla sicurezza, la tollerabilità e l’efficacia a lungo termine di bimekizumab fino a due anni in pazienti adulti con psoriasi a placche da moderata a grave che hanno completato uno dei tre studi registrativi di Fase 3. Questi dati sono stati presentati al 30° Congresso dell’Accademia Europea di Dermatologia e Venereologia (EADV).

Bimekizumab è il primo inibitore selettivo di IL-17A e IL-17F ad essere approvato nell’Unione Europea per il trattamento della psoriasi a placche da moderata a grave negli adulti candidati alla terapia sistemica.

I dati preliminari dello studio BE BRIGHT presentati all’EADV hanno mostrato che i pazienti trattati con bimekizumab hanno raggiunto livelli di clearance cutanea (PASI 90 e PASI 100) mantenuti fino a due anni con un dosaggio di mantenimento continuo e che bimekizumab è stato generalmente ben tollerato, senza che emergessero nuovi segnali di sicurezza.

Il passaggio a bimekizumab dopo 24 settimane di trattamento con adalimumab (BE SURE) ha portato a un aumento dei tassi di risposta PASI 90 e PASI 100 mantenuto fino a due anni.

Inoltre, il passaggio a bimekizumab dopo 52 settimane di trattamento con ustekinumab (BE VIVID) ha portato a un aumento dei tassi di responder PASI 100 mantenuto fino alla settimana 100.

I pazienti che sono passati a bimekizumab dopo una risposta inadeguata a ustekinumab alla settimana 52 hanno anche mostrato miglioramenti nei livelli di clearance della pelle (PASI 90 e PASI 100) mantenuti nel tempo.

“Nella pratica clinica, i pazienti con psoriasi a placche da moderata a grave possono avere bisogno di una transizione tra i biologici per controllare in modo ottimale la loro malattia. I risultati a lungo termine dello studio BE SURE e dello studio in open lable extension BE BRIGHT, condivisi all’EADV 2021, hanno dimostrato che il passaggio da adalimumab a bimekizumab ha aiutato più pazienti con psoriasi da moderata a grave a raggiungere e mantenere la pelle completamente pulita, come misurato da PASI 100, fino a due anni di trattamento”, ha detto Diamant Thaçi, Institute and Comprehensive Center for Inflammation Medicine, University Hospital of Lübeck, Lübeck, Germany.

Notizie correlate

Lascia un commento