Ema

(Reuters Health) –  Asse franco-tedesco per “spartirsi” le sedi dell’Ema e dell’European Banking Authority (EBA).Secondo la testata giornalistica tedesca WirtschaftsWoche, Germania e Francia si sarebbero alleate in questo senso per il dopo Brexit.  Nell’ambito di questo accordo l’ European Banking

Nelle sedute del 22 e 23 giugno il  Consiglio europeo, che si terrà a Bruxelles, approverà il documento con le linee guida su cui saranno valutati i dossier di candidatura delle città che puntano ad ospitare la nuova sede di

Due giorni milanese per la delegazione dell’Ema che dovrà valutare l’eventuale trasferimento della sede nel capoluogo lombardo da Londra dopo la Brexit. Il gruppo, composto da Guido Rasi e da tre tecnici, incontrerà  il sindaco di Milano Giuseppe Sala e il presidente

Secondo il rapporto sull’attività annuale dell’EMA, l’ente regolatorio europeo nel 2016 ha raccomandato la vendita di 81, di cui 27 contenenti nuovi principi attivi, e ha aggiornato le informazioni di sicurezza di 300 farmaci a uso umano.   Sul fronte veterinario,

“Stiamo lavorando al meglio per portare a Milano l’Agenzia europea per il farmaco, ma la decisione verrà presa in ottobre e sta nel piano delle scelte politiche legate ad altri fattori”. Trapela un cauto ottimismo dalle parole che il sindaco

30 marzo 2019. A partire da questa data la Gran Bretagna non parteciperà più al sistema regolatorio dei farmaci europei. Una data che può sembrare ancora lontana, ma nella sede dell’Ema si è già iniziato a discutere di come verrà

L’uscita del Regno Unito dall’Unione europea apre alcune opportunità per l’Italia, tra queste la possibilità di diventare la nuova sede dell’Agenzia europea del farmaco (Ema). Milano ha avanzato la sua proposta, e il Governo ha assicurato il suo sostegno: “Sarebbe

Per promuovere il trasferimento a Milano dell’Agenzia europea dei medicinali (Ema) dopo la Brexit, il Governo si affida a un “ambasciatore” con esperienza di lungo corso negli affari internazionali: Enzo Moavero Milanesi, ex ministro agli Affari europei nei governi guidati

FDA  più veloce di EMA nell’approvazione dei nuovi farmaci. Lo differenza temporale è, in media, di 2-3 mesi. È il risultato di una ricerca pubblicata dal New England Journal of Medicine. I ricercatori guidati da Nicholas Downing, del Brigham and Women”s

(Reuters Health) – L’Agenzia Europea dei Medicinali potrebbe seguire la strada USA e studiare approcci per velocizzare le procedure di approvazione dei farmaci. Un sistema alternativo, in realtà, sarebbe stato già individuato. Ma le agenzie dei singoli Paesi esprimono preoccupazioni,

L’Agenzia Europea dei Medicinali, seguendo le osservazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha rilasciato le raccomandazioni per la composizione del vaccino antiinfluenzale da utilizzare a partire dalla prossima stagione autunnale. Secondo l’ente regolatorio europeo, il vaccino trivalente per la stagione 2017/2018

L’Ema, insieme alle autorità regolatorie competenti dello Spazio economico europeo (SEE), ha dato vita a una task force per promuovere e regolamentare l’uso dei big data per la salute. Da quelli delle cartelle cliniche elettroniche dei pazienti a quelli provenienti

(Reuters Health) – Il Governo finlandese ha annunciato la settimana scorsa che avanzerà una candidatura ufficiale per ospitare la nuova sede dell’Agenzia Europea dei Medicinali, una volta che la Gran Bretagna avrà definitivamente detto addio all’Unione Europea. La Finlandia, dunque,

Le ispezioni presso stabilimenti produttivi di medicinali condotte nell’Unione Europea saranno riconosciute valide anche negli Stati Uniti, e viceversa. È questo il risultato dell’accordo raggiunto dagli enti regolatori europei e statunitensi, reso noto dall’EMA, che ha sottolineato come l’accordo contribuirà a un “migliore

Via libera a Natpara. Il CHMP dell’Ema ha raccomandato la concessione di un’autorizzazione  condizionata all’immissione in commercio nella UE di farmaco orfano a base di un ormone paratiroideo per il trattamento dell’ipoparatiroidismo. Nel mondo circa 180mila persone soffrono di ipoparatiroidismo,

L’Ema ha avviato una revisione sugli antibiotici fluorochinoloni e chinoloni, per assunzione orale, iniettiva o inalatoria, al fine di valutare la persistenza di gravi effetti indesiderati che riguardano i muscoli, le articolazioni e il sistema nervoso. La revisione arriva a seguito