Eli Lilly

La combinazione Cyramza, di Eli Lilly, e Tarceva, di Roche, sarebbe più efficace di Tarceva e placebo nel ritardare la progressione del tumore del polmone con EGFR mutato, nei pazienti mai trattati prima. È quanto ha evidenziato uno studio di

(Reuters Health) – Eli Lilly ha annunciato di voler commercializzare una versione a metà prezzo di Humalog, la sua popolare soluzione iniettabile di insulina. I principali produttori di farmaci per il diabete, tra cui Eli Lilly, sono stati messi sotto

(Reuters Health) – L’antidolorifico non oppioide tanezumab, sviluppato da Pfizer ed Eli Lilly, utilizzato a dosaggio elevato, è riuscito a ridurre il dolore da osteoartrosi in uno studio di fase avanzata comparato con placebo. I pazienti che hanno partecipato allo

C’è l’esperienza personale dietro al primo spot direct to consumer (DTC) di Eli Lilly per Emgality, il nuovo farmaco contro l’emicrania. Il regista Robert Stromberg, che ha lavorato a film di successo tra cui Avatar e Maleficent, conosce bene l’impatto

Un agonista duale del recettore dell’amilina calcitonina (DACRA) per il trattamento del diabete e un inibitore BTK in studio in campo immunologico, nonché un peptide urocortina-2, un possibile trattamento per l’insufficienza cardiaca che aveva raggiunto la fase I di sperimentazione.

(Reuters Health)– Eli Lilly continua la caccia ai farmaci antitumorali anche dopo l’acquisto, per 8 miliardi di dollari, di Loxo Oncology. In stand by, almeno per il momento, le terapie Car-t e la terapia genica per le malattie rare. Lo

(Reuters Health) – Eli Lilly acquisisce Loxo Oncology per otto miliardi di dollari cash. L’azienda americana scommette così nel campo delle terapie oncologiche, in particolare dei farmaci mirati di Loxo che curano i tumori causati da rare mutazioni genetiche. Il

(Reuters Health) – Grazie alla maggiore domanda dei suoi nuovi farmaci, tra cui l’antidiabetico Trulicity e Taltz, il prodotto contro la psoriasi, Eli Lilly ha registrato entrare migliori del previsto e ha aggiustato gli utili per il prossimo anno. A

Eli Lilly ed Evidation Health collaboreranno alla ricerca di biomarker digitali utilizzando dati provenienti da smartphone e dispositivi indossabili. Gli scienziati e i ricercatori di Lilly avranno accesso alla piattaforma dati Evidation Andromeda. La piattaforma di Evidation è già utilizzata

(Reuters Health) – Sviluppare insieme un possibile trattamento biotech contro l’Alzheimer. È questo l’obiettivo dell’accordo tra Eli Lilly e AC Immune, nell’ambito del quale AC Immune condurrà lo sviluppo della fase iniziale del candidato, ACI-3024,  mentre Eli Lilly finanzierà e

Eli Lilly potrebbe cedere un gruppo di farmaci off-patent, che attualmente commercializza in Cina. L’indiscrezione arriva da Bloomberg. La transazione potrebbe fruttare una cifra compresa tra i 200 e i 300 milioni di dollari. Un rumor che giunge in un momento in

A settembre Eli Lilly ha ottenuto via libera per l’utilizzo di Emgality nella prevenzione dell’emicrania. Ora la società sta intensificando gli sforzi per ottenere l’approvazione per un’altra popolazione di pazienti. Mercoledì la FDA ha definito Emgality una terapia innovativa per

Eli Lilly ha richiesto l’approvazione della FDA per lasmiditan, farmaco contro l’emicrania. La richiesta si basa sugli ultimi dati di uno studio in fase finale che dimostrano come il farmaco sia in grado di far sparire il mal di testa

Grazie ai nuovi lanci di farmaci, i volumi di Eli Lilly sono saliti del 17% nei mercati chiave. È stata la migliore performance trimestrale per l’azienda americana in dieci anni. A evidenziarlo sono stati i dirigenti di Lilly, che martedì

(Reuters Health) – Con maggiore liquidità in cassa Eli Lilly prenderà in considerazione acquisizioni che non superino di molto il miliardo di dollari, come quella (1,6 miliardi) dell’azienda di farmacii antitumorali Armo Biosceinces, conclusa all’inizio di quest’anno. Lo ha riferito

(Reuters Health) – I risultati di un ampio studio clinico hanno evidenziato che l’antidiabetico di Eli Lilly, Trulicity, ha ridotto significativamente il rischio di infarto, ictus e morte cardiaca, a fronte di un profilo di sicurezza coerente con i farmaci