Sanofi Pasteur premia la comunicazione sui vaccini. Ecco i 10 finalisti

29 maggio, 2018 nessun commento


Autorevoli, efficaci, scientifici, social; sono i dieci progetti di comunicazione che accederanno alla finale di #PerchéSì, il primo contest sulla comunicazione corretta ed efficace sui vaccini ideato da Sanofi Pasteur, che ha l’obiettivo di premiare e mettere in rete le migliori campagne di comunicazione in ambito vaccinale realizzate in Italia negli ultimi diciotto mesi. “Il ruolo della corretta informazione sul valore della vaccinazione è fondamentale e rappresenta un diritto-dovere di ogni comunità. L’estensione dell’obbligo vaccinale partito nell’estate 2017 ha generato un forte dibattito nel Paese che sui social si è tradotto in una ‘bolla’ di disinformazione che spesso viaggia più veloce della comunicazione del mondo medico-scientifico. Questi progetti sono la dimostrazione che anche in rete è possibile combinare efficacia e autorevolezza,” spiega Paolo Bonanni, Professore di Igiene e medicina preventiva presso l’Università degli Studi di Firenze, coordinatore del gruppo “Calendario per la Vita” e co-Presidente della giuria di #PerchéSì. Sono circa 60 i progetti presentati da operatori di sanità pubblica, università, centri di ricerca, mondo dell’associazionismo, società scientifiche, ASL e distretti sanitari per partecipare al contest.

Ecco i 10 progetti finalisti del contest
– Campagna promozione vaccinazione influenzale, Università di Perugia/Azienda Ospedaliera universitaria
– www.vaccinarsinpuglia.org, Università degli studi di Bari
– Campagna vaccinazioni operatori sanitari, SIP (Società Italiana di Pediatria)
– VaccinQuiz, SIP (Società Italiana di Pediatria)
– evento Adulti e Vaccinati, Università di Pisa
– www.vaccinarsiinsicilia.org, Università degli studi di Palermo
– www.progettobfree.it, FIMP (Federazione Italiana Medici Pediatri)
– #azionesalute, ASL di Taranto
– I vaccini tornano a scuola, ASL di Taranto
– #ProteggitiperProteggermi, Università degli studi di Palermo/Azienda Ospedaliera universitaria

Al progetto vincitore sarà offerto un master intensivo in comunicazione in ambito sanitario e vaccinale presso la prestigiosa TAG Innovation School, scuola di formazione sulle competenze digitali promossa da Talent Garden.

La giuria
-Barbara Sgarzi, Giornalista professionista ed esperta di comunicazione digitale
-Paolo Bonanni, Professore di Igiene presso il Dipartimento di Scienze della Salute dell’Università degli Studi di Firenze
-Giampietro Chiamenti, Presidente Nazionale Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP)
-Antonio Ferro, Responsabile del progetto “VaccinarSì”, Direttore UOC Servizio Igiene e Sanità Pubblica Ulss 6 Euganea
-Letizia Gabaglio, Giornalista scientifica, socia fondatrice della media company Galileo
-Tommasa Maio, Segretario Nazionale FIMMG, Medico di Famiglia
-Simona Maschi, co-fondatrice e direttore del Copenhagen Institute of Interaction Design
-Rocco Russo, Medico Pediatra presso l’Unità Operativa Materno Infantile A.S.L. di Benevento, Componente Comitato Scientifico “VaccinarSì”

Accanto al Contest, il progetto prevede anche un hackathon rivolto agli studenti e ai futuri comunicatori medico-scientifici, che si terrà il 20 e 21 giugno prossimi presso Talent Garden Calabiana (TAG) Milano. Un laboratorio di idee che vedrà la partecipazione di grafici, designer, startupper, studenti e neolaureati in comunicazione medico-scientifica, freelance legati al mondo del visual e del video. Trenta giovani metteranno alla prova le proprie capacità per affinarle con la pratica e confrontarsi con gli esperti: i finalisti del Contest, infatti, avranno la possibilità di partecipare all’hackathon. Al team vincitore dell’hackathon sarà offerto un viaggio-studio all’Institute of Interaction Design di Copenaghen. Le premiazioni dell’Hackathon e del Contest si terranno al TAG di Milano – Talent Garden Calabiana giovedì 21 giugno 2018.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*