Roche, attesa in USA per il forecast 2018

17 gennaio, 2018 nessun commento


C’è grande attesa per il forecast 2018 di Roche. Soprattutto per quel che riguarda il settore dell’oncologia. Le versioni biosimilari dei suoi farmaci di successo contro il cancro, Herceptin e Rituxan, stanno arrivando mercato eAvastin si confronterà presto con  rivali meno costosi. Questi tre farmaci rappresentano una grande fetta delle vendite della pharma svizzera, con oltre 20 miliardi di dollari all’anno di entrate dalle vendite. Il CEO di Roche, Severin Schwan, è ben consapevole della sfida. Ha detto in un’intervista al Financial Times che i tre farmaci antitumorali altamente redditizi escono dalla protezione del brevetto. “Roche ha anche ottenuto un paio di importanti approvazioni normative, cosa che normalmente sarebbe buona per qualsiasi produttore di farmaci – ha detto Scwan –  ma la necessità di investire risorse nel marketing mette molta pressione sulla redditività”. Una pressione che spinge Jeffrey Holford, analista di Jefferies, a dichiarare che gli investitori dovranno “resistere all’impatto”. Holford si aspetta forti flessioni da quattro prodotti di Roche: Ocrevus contro la sclerosi multipla, Perjeta più Herceptin come terapia adiuvante adiuvante contro il cancro al seno, Hemlibra contro l’emofilia A e Gazyva come agente terapeutico di prima linea contro il linfoma follicolare. In una nota agli investitori redatta all’inizio di questo mese, Holford ha previsto anche “una politica conservativa da parte di Roche nel 2018 a causa delle perdite previste per Rituxan ed Herceptin”. Schwan , da parte sua,  è convinto che Roche manterrà la promessa di aumentare il dividendo.

La pipeline e le sfide
I nuovi farmaci di Roche dovranno affrontare sfide nei rispettivi mercati. Hemlibra, approvata dalla FDA a novembre e ora in fase di esame in Europa, affronta la concorrenza di Shire. La FDA ha anche concesso un’espansione delle indicazioni di Gazyva.  Jeffrey Holford prevede che il nuovo utilizzo come trattamento di prima linea contro il linfoma follicolare potrebbe aiutare Gazyva a raggiungere i 3,5 miliardi di dollari di incasso. Le stime ufficiali si attestano più prudentemente a 1,2 miliardi di dollari. Si attendono poi notizie dal fronte degli studi clinici. I risultati chiave su Tecentriq, usato in un cocktail chemioterapico per trattare il cancro polmonare squamoso e non squamoso, dovrebbero essere pubblicati proprio nel 2018.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*