Reputazione delle pharma, una sincronia di obiettivi aziendali e sociali

Condividi:
Share

La pandemia da coronavirus ha messo le aziende farmaceutiche sotto i riflettori, che lo volessero o no. Ma quella che era iniziata come una corsa al vaccino e ai trattamenti anti COVID-19 si sta ora trasformando in strategie di business a lungo termine e sta cambiando il modo in cui le aziende farmaceutiche gestiscono la loro immagine aziendale.

Questo è il pensiero di Michael Grela, il nuovo responsabile della reputazione e dell’impatto sociale di Evoke KYNE, – società di consulenza per la comunicazione e il Public Affairs nell’healthcare – secondo il quale si registra un notevole aumento dell’interesse da parte delle aziende farmaceutiche e biotecnologiche per la gestione della reputazione.

Le aziende farmaceutiche, che per molto tempo sono state in fondo ai sondaggi sulla percezione dei consumatori, stanno ora cercando di sfruttare attivamente l’onda di fiducia prodotta dalla risposta del settore alla pandemia. A contribuire al cambiamento di strategia c’è anche la crescente richiesta di maggiore trasparenza e solidarietà da parte dei consumatori, che hanno accesso libero alle informazioni sulle aziende farmaceutiche e sul loro lavoro in tutto il mondo.

“Se vuoi promuovere la tua reputazione aziendale, devi fare qualcosa. Ciò non significa semplicemente vendere un prodotto o un servizio, non è abbastanza. È necessario avere sia uno scopo commerciale sia uno scopo sociale”, osserva Grela, “Questi due aspetti dovrebbero invece essere collegati: è questa la responsabilità sociale intelligente”. Obiettivi aziendali e sociali devono essere sincronizzati.

“Consumatori, partner e clienti si aspettano molto di più dalle aziende, e questo è particolarmente vero per il settore farmaceutico”, continua Grela. “Ad esempio Pfizer compare nella classifica dei migliori posti di lavoro LGBTQ, J&J è nell’elenco delle aziende più ammirate come GSK, che si sforza di arrivare a emissioni zero entro il 2025. Sono tutte cose importanti per la gente”.

Questo significa lavorare sulla reputazione facendo sforzi in materia di diversità, inclusione, conservazione dell’ambiente, filantropia e con una maggiore visibilità per dirigenti e dipendenti.

Notizie correlate

Lascia un commento