“Presto in Italia mercato generici competitivo”

20 dicembre, 2017 nessun commento


Intervista a Raffaele Migliaccio
General Manager Dr. Reddy’s Italia

Qual è Il core business di Dr. Reddy’s Italia?
Il core business della nostra azienda è la produzione e la commercializzazione di farmaci complessi generici. Siamo un’azienda di generici tra le più grandi a livello mondiale; negli Usa ci attestiamo al secondo posto. Abbiamo stabilimenti di produzione anche in Europa. Da un anno abbiamo iniziato a operare nel mercato italiano, per il momento prevalentemente nel settore ospedaliero pubblico. Riscontriamo dei problemi soprattutto di ordine burocratico, perché operiamo con le gare. Siamo attrezzati per svolgere questa funzione, ma la burocrazia condiziona parecchio il nostro lavoro.

Quali sono le vostre attività?
Stiamo vivendo un momento di transizione. Stiamo passando dalla fornitura per il singolo ospedale ad attività più complesse a livello regionale. In tutto questo ci sono delle positività e delle negatività. Credo che nel breve periodo dovremmo riuscire a ottenere migliori soluzioni per le nostre attività. Ci siamo calati da subito nella realtà italiana, nella quale cerchiamo di portare innovazione a un costo decisamente più basso per tutti i pazienti. Non a caso il nostro slogan è anche la mission della nostra azienda: la buona salute non può aspettare. I pazienti non possono restare ad aspettare che ci sia un’opportunità terapeutica. E noi cerchiamo di offrirla al miglior prezzo e con i migliori prodotti.

Qual è la situazione del mercato italiano rispetto all’Europa?
Il mercato italiano del generico è ancora in fase di crescita. Non abbiamo ancora raggiunto i livelli di Francia, Germania o Inghilterra, ma sicuramente questo mercato a breve rappresenterà un’opportunità per le aziende che saranno state in grado di riuscire a portare innovazione e competitività.

Guarda anche le interviste a

Patrizia Ponzi

Market Access Head Bayer

Francesca Patarnello

VP Market Access & Government Affairs AstraZeneca

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*