Novartis: Xolair, un futuro nel trattamento della sinusite

6 Giugno, 2019 nessun commento


Condividi:
Share

Sei mesi di trattamento con Xolair, il farmaco di Novartis contro asma allergico e orticaria, hanno ridotto congestione e polipi nasali, rispetto al placebo, negli adulti con sinusite cronica.

Sono gli ultimi dati raccolti dall’azienda svizzera sul suo blockbuster, nell’ambito di due studi di fase III, Polyp 1 e Polyp 2, pubblicati lunedì scorso.

Grazie a questi risultati, Novartis potrà ora cercare di difendere il mercato del suo prodotto da competitors come Nucala, di GlaxoSmithKline, Cinqair, di Teva, Fasenra, di AstraZeneca e Dupixent, di Sanofi e Regeneron.

Xolair è stato il primo prodotto a entrare nel mercato, nel 2003, ed è approvato per il trattamento dell’asma allergico da moderata a grave e dell’orticaria. Negli anni, poi, è riuscito a estendere più volte le sue indicazioni ed è stato approvato anche per le allergie alle arachidi.

Nel primo trimestre di quest’anno, il farmaco ha registrato vendite per 281 milioni di dollari, un aumento del 10% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Ma i competitor segnano crescite più rapide. Come Fasenra, che ha chiuso il Q1 con un +514% e 129 milioni di dollari di vendite, e Dupixent, che è cresciuto del 187% a poco meno di 370 milioni di dollari.Nucala ha registrato vendite per 192 milioni di dollari.

Proprio a contrastare quest’ultimo, che a marzo ha avuto l’ok per una revisione prioritaria da parte della FDA nel trattamento della sinusite, puntano i recenti risultati di Xolair. Secondo gli analisti, il farmaco di Novartis potrebbe raggiungere vendite per 2,5 miliardi di dollari, grazie a un’etichetta ampia e dati sulla sicurezza che superano la concorrenza.

Novartis ha anche un altro prodotto in studio, che potrebbe aiutare l’azienda svizzera a recuperare le perdite di Xolair. Si tratta di ligelizumab che è arrivato in fase III di sperimentazione nell’orticaria, dopo aver dimostrato la sua maggiore efficacia rispetto a Xolair nel trattamento di questa condizione.

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*