Novartis, golden share sulla BPCO con i dati su Ultibro

26 febbraio, 2018 nessun commento


In Europa, il mercato dei farmaci contro la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) sta diventando sempre più competitivo. Novartis punta sui nuovi dati relativi agli effetti sul cuore dell’inalatore Ultibro Breezhaler, per ottenere vantaggi competitivi nelle vendite. I dati pubblicati da Lancet Respiratory Medicine mostrano la superiorità di Ultibro rispetto al placebo nel migliorare significativamente la funzione cardiaca e polmonare nei pazienti con BPCO accompagnata da iperinflazione polmonare. Lo studio, noto come Claim, è il primo a esaminare l’effetto di un farmaco della classe LABA / LAMA sulla funzione cardiaca. I risultati mostrano che la terapia con Ultibro ha ridotto l’iperinflazione polmonare e ha determinato miglioramenti della funzione cardiaca dopo due settimane di trattamento. Questo si traduce in “benefici clinicamente rilevanti per il paziente”, secondo Novartis. L’arena delle terapie LABA / LAMA vede in Anoro Ellipta di GSK, Spiolto Respimat di Boehringer Ingelheim e Duaklir di AstraZeneca i principali competitor di Novartis. AstraZeneca attende l’approvazione europea per Aerosfera Bevespi – già sul mercato statunitense – nella seconda metà di quest’anno, mentre GSK ha già un ok in Europa per Trelegy, un cocktail composto da una combinazione LAMA / LABA con l’aggiunta di un corticosteroide inalatorio.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*