Novartis: candidato per la degenerazione maculare pronto a competere con Bayer e Regeneron

13 novembre, 2017 nessun commento


(Reuters Health) – Dopo il successo nei trial del candidato RTH 258 per la degenerazione maculare, che ne ha attestato la capacità di ridurre l’attività della malattia, Novartis entra in diretta competizione con Bayer e Regeneron La degenerazione maculare correlata all’età è una condizione che colpisce 20-25 milioni di persone in tutto il mondo in cui un’anomalia vascolare può causare cecità. Stando ai risultati resi noti da Novartis, in un primo studio uno stato attivo della degenerazione maculare è stato osservato nel 23,5% dei pazienti trattati con RTH258 rispetto al 33,5% dei pazienti trattati con Eylea (Bayer) dopo 16 settimane. Un secondo studio, invece, ha fatto registrare uno stato attivo della malattia nel 21,9% dei pazienti trattati con RTH258 contro il 31,4% di quelli trattati con Eylea. La casa farmaceutica di Basilea spera che queste ultime evidenze si traducano, per RTH258, in ulteriori punti a favore nei confronti di Eylea e Lucentis (Regeneron). Novartis, che ha presentato i dati all’American Academy of Opthalmology conference a New Orleans, e alla fine del 2018 intende presentarsi per l’approvazione anche agli Stati Uniti, prevede che le vendite annuali di RTH258 supereranno il miliardo di dollari. Se da un punto di vista scientifico le evidenze sembrano tutte a favore del candidato di Novartis, il quadro di mercato presenta qualche difficoltà. Novartis detiene i diritti di Lucentis in Europa, dove ha obblighi contrattuali per continuare a commercializzare questo farmaco. E Lucentis è follower, in quanto Eylea, con 5 miliardi di dollari in vendite annuali, ha spostato le quote di mercato. Lucentis vende perf 3,2 miliardi di dollari all’anno. Inoltreil farmaco contro il cancro di Roche Avastin è apparso efficace anche per il trattamento della degenrazione maculare e costa molto meno di Lucentis ed Eylea. Lanciare RTH258 sarà una bella sfida.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*