MSD al vertice dell’immuno-oncologia. Gli analisti ci credono

8 giugno, 2017 nessun commento


Gli ottimi risultati riportati da Keytruda all’ASCO incoronano BMS al vertice dei produttori dei farmaci immuno-oncologici. In particolare, Keytruda ha  mostrato evidenze promettenti in associazione con epacadostat, l’inibitore IDO di Incyte, nel trattamento di alcune forme difficili di tumore del seno e, in combinazione con la chemioterapia, nel trattamento del tumore del polmone. Secondo Moody’s, MSD sarebbe tra le tre aziende farmaceutiche che avranno più vantaggi dai risultati presentati all’ASCO, anche se Opdivo ha ancora prospettive forti a lungo termine “sulla base di numerosi studi ancora in corso su diversi tipi di tumori”. Anche secondo Seamus Fernandez, analista di Leerink Partners, MSD “ha chiaramente vinto la battaglia sui piccoli volumi di dati”. A restare indietro potrebbero essere i rivali, e in particolare BMS, che non avrebbe impressionato gli investitori con il suo aggiornamento sui dati sulla sopravvivenza della combo Opdivo-Yervoy nel trattamento di prima linea. I dati avrebbero infatti dimostrato che la combinazione è paragonabile a Opdivo da solo nei pazienti con livelli di espressione di PD-L1 superiori del 50%. Prima terapia anti PD-1/PD-L1 a essere utilizzata in tutti i più importanti tumori, Opdivo ha subito una battuta d’arresto lo scorso anno quando BMS ha annunciato il fallimento di un trial clinico di fase III come monoterapia nel tumore del polmone di prima linea. Keytruda, invece, ha continuato a portare successi, anche dove Opdivo aveva fallito. Ma questo non vuol dire che BMS non abbia avuto i suoi dati positivi. Intanto, l’azienda è arrivata all’ASCO forte di una revisione prioritaria della FDA nel cancro del fegato. Inoltre, ha annunciato dati positivi sulla combo Opdivo-Yervoy nel mesotelioma difficile da trattare. L’azienda ha anche prodotto dati interessanti sul target di nuova generazione LAG-3, e sta lavorando su obiettivi innovativi come IDO e GITR.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*