Linfoma di Hodgkin: Commissione Europea approva nivolumab (BMS)

25 novembre, 2016 nessun commento


La Commissione Europea ha approvato nivolumab per il trattamento di pazienti adulti con linfoma di Hodgkin classico (cHL) in recidiva o refrattario dopo trapianto autologo di cellule staminali (ASCT) e trattamento con brentuximab vedotin. Nivolumab è ora il primo e unico inibitore di PD-1 approvato per una neoplasia ematologica nell’Unione Europea (EU). Questa approvazione permette la commercializzazione di nivolumab nel linfoma di Hodgkin classico in recidiva o refrattario in tutti i 28 Stati membri dell’Unione Europea.
L’approvazione si basa su un’analisi integrata dei dati dello studio di fase II, CheckMate -205, e dello studio di fase I, CheckMate -039, che hanno valutato pazienti con linfoma di Hodgkin classico in recidiva o refrattario dopo trapianto autologo di cellule staminali e trattamento con brentuximab vedotin.

Il tasso di risposta
Nel gruppo di pazienti (n = 95) valutati nell’analisi di efficacia, l’endpoint primario misurato come tasso di risposta obiettiva (ORR), valutato da un comitato indipendente di revisione radiologica, era pari al 66% (IC 95%: 56 – 76; 63/95 pazienti). La percentuale di pazienti con risposta completa era pari al 6% (IC 95%: 2 – 13; 6/95 pazienti) e quelli con risposta parziale erano il 60% (IC 95%: 49 – 70; 57/95 pazienti). A 12 mesi, il tasso di sopravvivenza libera da progressione era pari al 57% (IC 95%: 45 – 68). Nivolumab è associato ad avvertenze e precauzioni d’impiego che includono anche eventi immunologici: polmonite, colite, epatite, nefrite e disfunzione renale, endocrinopatie, rash e altre reazioni avverse, reazioni all’infusione e complicanze dopo trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche (HSCT) nel linfoma di Hodgkin classico dopo nivolumab.
“Siamo incredibilmente orgogliosi di questa approvazione per nivolumab e per quello che significa per i pazienti adulti con linfoma di Hodgkin classico in recidiva o refrattario dopo trapianto autologo di cellule staminali e trattamento con brentuximab vedotin, perché rappresenta il primo e unico inibitore di PD-1 approvato per una neoplasia ematologica nell’Unione Europea. Questa è anche la seconda molecola immuno-oncologica di Bristol-Myers Squibb approvata per un tumore del sangue nell’Unione Europea in appena sei mesi” ha commentato Emmanuel Blin, senior vice president e chief strategy officer di Bristol-Myers Squibb.
“Come ematologo clinico, ho potuto osservare le difficoltà della gestione del linfoma di Hodgkin classico e le necessità ancora esistenti per i pazienti precedentemente trattati”, ha dichiarato il dott. Andreas Engert, lead investigator e professore di Medicina Interna, Ematologia e Oncologia allo University Hospital of Cologne di Colonia, in Germania. “È incoraggiante sapere che con l’approvazione di nivolumab per il trattamento di pazienti adulti con linfoma di Hodgkin classico in recidiva o refrattario, dopo trapianto autologo di cellule staminali e trattamento con brentuximab vedotin nell’Unione Europea, ora abbiamo a disposizione un nuovo approccio terapeutico che ha mostrato tassi e durata della risposta impressionanti in questa popolazione di pazienti difficili da trattare”.

I dati degli studi
Nell’analisi integrata dei dati degli studi CheckMate -205 e CheckMate -039, il tempo mediano alla risposta è stato di 2 mesi (range: 0,7 – 11,1) e, tra i pazienti rispondenti, la durata della risposta era mantenuta nel tempo per una mediana di 13,1 mesi (IC 95%: 9,5 – NE; range: 0,0+, 23,1+). La stabilizzazione della malattia è stata osservata nel 23% dei pazienti. In un’analisi post-hoc degli 80 pazienti nella coorte B dello studio CheckMate -205, 37 non avevano risposto al precedente trattamento con brentuximab vedotin. Tra questi 37 pazienti, il trattamento con nivolumab ha portato a una ORR pari al 59,5% (22/37 pazienti) e a una durata mediana della risposta di 13,14 mesi.
La sicurezza di nivolumab nel cHL è stata valutata in 263 pazienti adulti inclusi negli studi CheckMate -205 (n = 240) e CheckMate -039 (n = 23). Nella popolazione totale valutata nell’analisi di sicurezza (n = 263), eventi avversi seri si sono manifestati nel 21% dei pazienti. I più comuni eventi avversi seri (riportati in almeno l’1% dei pazienti) erano reazione correlata all’infusione, infezione polmonare, versamento pleurico, piressia, rash e polmonite. Gli eventi avversi più comuni (riportati in almeno il 20% dei pazienti) erano affaticamento (32%), infezione del tratto respiratorio superiore (28%), piressia (24%), diarrea (23%) e tosse (22%). Il 23% dei pazienti ha dovuto ritardare la somministrazione della dose per la comparsa di un evento avverso e il 4,2% dei pazienti ha interrotto il trattamento a causa di un evento avverso. Sei su 40 pazienti sono deceduti per complicanze dell’HSCT allogenico dopo il trattamento con nivolumab e questi 40 pazienti sono stati seguiti per un follow-up mediano di 2,9 mesi (range: 0 – 22) successivamente al HSCT allogenico.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*