Le big pharma nell’arena della psoriasi

6 Marzo, 2019 nessun commento


Condividi:
Share

Il mercato dei farmaci contro la psoriasi è fortemente competitivo da alcuni anni.

Nei giorni scorsi si è svolto a Washington l’incontro annuale dell’American Academy of Dermatology.
Ecco le principali novità emerse dai lavori.

Cosentyx  (Novartis)
Novartis ha annunciato i dati di uno studio su pazienti cinesi che hanno dimostrato l’efficacia del farmaco in quasi 9 pazienti su 10 nelle prime 16 settimane di trattamento.

Il 97,7% dei pazienti affetti da psoriasi trattati con una dose da 300 mg di Cosentyx ha ottenuto infatti un punteggio di 75 (indice PASI). L’80,9% dei pazienti ha ottenuto un punteggio PASI di 90 alla dodicesima settimana.

Alla sedicesima settimana, la percentuale di pazienti che avevano raggiunto un punteggio PASI di 90 era salita all’87%.

Tra quelli che avevano ricevuto una dose da 150 mg di Cosentyx, l’87,8% ha raggiunto alla dodicesima settimana un punteggio PASI di 75 mentre il 66,4% dei pazienti ha raggiunto il punteggio di 90.

“Cosentyx offre ciò di cui hanno bisogno i pazienti affetti da psoriasi: una pelle chiara e un trattamento completo”, ha detto in una nota Eric Hughes, responsabile globale dello sviluppo in immunologia di Novartis e responsabile dello sviluppo in Cina.

Ilumya (Sun Pharma)
Sun Pharma, dal canto suo, ha annunciato i dati riguardanti gli effetti a lungo termine (tre anni) del suo prodotto, Ilumya. I risultati di due studi hanno dimostrato che il farmaco ha determinato una risposta PASI di 50 o superiore dopo 28 settimane. Il punteggio è stato mantenuto o è aumentato fino alla 52esima settimana.

Taltz (Eli Lilly)
Lo studio su Taltz ha dimostrato che il prodotto può fornire una “risposta ad alta efficacia” dopo quattro anni di trattamento continuo anche in aree corporee difficili da trattare come il cuoio capelluto. Nonostante la durata più lunga del trattamento, non è emerso nessun nuovo elemento di allarme, ha detto la società.

Risankizumab (Abbvie)
AbbVie, da parte sua, si propone di dimostrare che i pazienti stanno meglio passando da Humira a risankizumab. Tra i pazienti trattati con Humira che avevano raggiunto punteggi PASI tra 50 e 90 alla sedicesima settimana, il 66% di quelli che erano passati a risankizumab ha raggiunto un punteggio PASI di 90 rispetto al 21,4% di quelli che avevano continuato con Humira.

Il 39,6% di coloro che erano passati a risankizumab ha raggiunto PASI 100, contro lo scarso 7,1% di quelli che avevano continuato con Humira.

Anche i pazienti trattati con Humira e con punteggio PASI inferiore a 50 hanno ottenuto risultati migliori utilizzando risankizumab di AbbVie.

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*