Più pranzi offerti dagli informatori, maggiori prescrizioni di branded

22 giugno, 2016 4 commenti


(Reuters Health) – Secondo un nuovo studio pubblicato da JAMA Internal Medicine, negli USA i medici che ricevono anche un solo pasto gratuito da un informatore scientifico presentano una maggior probabilità di prescrivere il farmaco oggetto della promozione, anche quando è disponibile un generico.

Ogni anno negli Stati Uniti vengono spesi 73 miliardi di dollari per farmaci branded dei quali è disponibile un equivalente generico. “I pazienti partecipano a questa spesa con 24 miliardi di dollari”, ha detto l’autore principale dello studio, il dottor Adams Dudley della University of California, San Francisco.

Lo studio
Il team del dottor Dudley ha analizzato i dati sui pagamenti del settore dalla fine del 2013 e quelli relativi alle prescrizioni per quell’anno di medici che trattavano pazienti coperti da Medicare con statine, beta-bloccanti, inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina o inibitori selettivi della ricaptazione di serotonina e serotonina-norepinefrina (SNRI).

Per ogni classe di farmaci, i ricercatori hanno scelto il brand più prescritto: Crestor (rosuvastatina), Bystolic (nebivololo), Benicar (olmesartan) e Pristiq (desvenlafaxina). Quasi 280.000 medici hanno ricevuto un totale di più di 60.000 grant associati a questi quattro farmaci. La stragrande maggioranza di tali pagamenti, il 95%, avvenivano sotto forma di pasti offerti, per un valore medio inferiore a 20 dollari ciascuno. Quasi il 9% delle prescrizioni di statine erano riferite alla rosuvastatina. Gli altri farmaci considerati nello studio sono stati prescritti con minore frequenza.

Tuttavia, i medici che avevano ricevuto anche un solo pasto offerto dall’azienda produttrice di uno di questi farmaci avevano più probabilità di prescriverlo al posto di un alternativo generico rispetto a coloro a cui non era stato offerto niente. Secondo un report su JAMA Internal Medicine, all’aumentare del numero e del valore dei pasti, aumentavano i relativi tassi di prescrizione.

Le reazioni
“L’offerta di pranzi e bevande rappresenta la modalità più frequente con cui l’industria si relaziona con i medici negli Stati Uniti, totalizzando circa 225 milioni di dollari nel 2014, l’anno più recente per cui sono disponibili dati”, ha detto Robert Steinbrook, redattore presso JAMA Internal Medicine e professore alla Yale University School of Medicine.

“Lo studio non chiarisce se l’offerta di pasti ha portato i medici a cambiare i loro modelli prescrittivi”, ha continuato Steinbrook, “ma il normale comportamento umano è caratterizzato dalla reciprocità. Spesso un informatore scientifico presenta a un medico un farmaco, nuovo o esistente, in occasione di un pranzo o di uno snack da lui offerti. L’informatore si focalizzerà sugli aspetti positivi del farmaco che promuove, piuttosto che parlare di come non abbia benefici rispetto a un generico. A volte, queste sono le uniche occasioni con cui un medico si informa sui nuovi sviluppi farmaceutici, almeno negli Stati Uniti”.

L’American Medical Association limita gli omaggi ai medici a un massimo di 100 dollari e molti centri medici accademici non permettono l’accesso  degli informatori scientifici del farmaco. “Dovremmo raccomandare ai produttori di farmaci e dispositivi medici di spendere meno nella promozione dei prodotti e più nella ricerca indipendente e in buona fede su sicurezza, efficacia e accessibilità”, ha concluso Steinbrook.

Fonte: Reuters Health News

(Versione italiana per Daily Health News)

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

4 comments on “Più pranzi offerti dagli informatori, maggiori prescrizioni di branded
  1. Giovanni ha detto:

    Ma di cosa vi meravigliate anche in Italia viene messa in pratica questa metodo e spesso sono gli stessi informatori che lo attuano all’insaputa dell’azienda maggiorando gli scontrini dei pasti.

  2. Giovanni ha detto:

    Oppure con i soldi accumulati degli scontrini dei pasti maggiorati, gli informatori vanno a soddisfare le esigenze dei medici purchè questi ultimi prescrivano il suo o suoi farmaci in modo da fargli raggiungere “i premi” per le vendite effettuate.
    Ci sono anche informatori che “aiutano” i medici nel risolvergli problemi che quotidianamente insorgono con il pc o con la stampante non curanti della privacy dei pazienti.
    E allora mi chiedo ma qualcuno che vigila……………ci sarà!!!!!

  3. Victor ha detto:

    Ammazza che scoperta!!!
    Manco Scierloc Olms…….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*