Incyte con La Lampada di Aladino per La Magia del Natale

Condividi:
Share

Sensibilizzare la città sulle attività messe a disposizione dei malati di cancro e delle loro famiglie da parte dell’associazione. Questo l’intento de La Magia del Natale, evento organizzato dall’associazione La Lampada di Aladino con il contributo non condizionato di Incyte, che si svolge oggi, mercoledì 22 dicembre.

Quattro gazebo sono posizionati in quattro punti della città di Milano: Piazza Santa Francesca Romana, Piazza XXV Aprile, Piazza Duca d’Aosta e piazza Wagner per sensibilizzare sul tema e per fornire i contatti dell’associazione a chi ne avesse bisogno. Nel corso dell’evento vengono distribuiti opuscoli informativi e gadget natalizi dai volontari dell’associazione.

“Essere il punto di riferimento per i malati oncologici e i loro familiari, aiutandoli ad affrontare la quotidianità, è da sempre il nostro obbiettivo – spiega Davide Petruzzelli, Presidente dell’associazione La Lampada di Aladino-. Magia del Natale rappresenta un’occasione per abbattere i confini tra profit e no profit, nel rispetto dei comportamenti etici, responsabili e della trasparenza. È la sinergia di due realtà impegnate a migliorare il percorso di cura dei pazienti. Nella nostra associazione non si cura il cancro, ma le persone che vivono l’esperienza del cancro. Siamo impegnati a supportare a 360° le persone che vivono questa difficile prova, tramite i servizi offerti. Per questi motivi ci impegniamo su più fronti”.

“In Incyte siamo costantemente impegnati a migliorare la vita dei pazienti attraverso la ricerca scientifica, e anche attraverso il supporto di una serie di progetti in grado di generare valore per i vari interlocutori coinvolti- osserva Onofrio Mastandrea, General Manager Incyte Italia -. Il nostro contributo a La Magia Del Natale è indubbiamente un’opportunità per sensibilizzare la città sul cancro, come tematica di alto impatto sociale per i malati e per le relative famiglie, e sul ruolo delle Associazioni di pazienti operanti nel territorio. Per questo abbiamo deciso di sostenere l’iniziativa”.

La Lampada di Aladino è un’associazione pazienti che plasma la propria prospettiva sulla memoria esperienziale dei propri membri, per colmare quel vuoto che intercorre tra le terapie oncologiche e la vita nella sua quotidianità. Nei suoi 20 anni di attività ha acquisito conoscenze e competenze in ambito medico-tecnico-scientifico-sociale-politico, che hanno dato solidità alle idee di cui l’associazione è portatrice. Sono valori legati a motivazioni profonde, che mirano a incidere positivamente sulle componenti di quello spaccato di sistema in cui si trova il malato di cancro.

Notizie correlate

Lascia un commento