GSK-Tesaro, è fatta

4 dicembre, 2018 nessun commento


(Reuters Health) – Via libera all’acquisto di Tesaro da parte di GlaxoSmithKline, un investimento che costerà 5,1 miliardi di dollari all’azienda inglese, fortemente voluto dallla CEO, Emma Walmsley. La pharma pagherà a Tesaro 75 dollari per azione e si farà carico del suo debito.

L’acquisizione di Tesar dà la possibilità a GSK di mettere le mani su un prodotto contro il tumore dell’ovaio, Zejula, che appartiene alla classe degli inibitori PARP.

Gli inibitori PARP agiscono bloccando gli enzimi coinvolti nella riparazione del DNA danneggiato contribuendo a uccidere le cellule tumorali e potrebbero essere usati, oltre che nel tumore ovarico, anche nei tumoreidi mammella, polmoni e prostata.

Secondo GSK, l’acquisto di Tesaro andrà a pesare sui guadagni rettificati per i primi due anni, ma l’acquisizione dovrebbe far guadagnare l’azienda inglese a partire dal 2022. Il closing dell’operazione dovrebbe cadere entro il primo trimestre del 2019.

Fonte: Reuters Health News
(Versione italiana per Daily Health Industry)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*