Immunoncologia in fermento

22 aprile, 2016 nessun commento


Grande fermento nella ricerca in ambito immunoncologico. Pieris Pharmaceuticals ha stipulato un accordo sulle licenze con Enumeral Biomedical. Il patto prevede che Pieris, azienda di biotech originaria della Germania che ha spostato il suo fulcro a Boston, paghi 250 mila dollari per la sequenza e le informazioni associare riguardanti gli anticorpi della classe degli anti-PD1 di Enumeral. Un pagamento aggiuntivo di 750 mila dollari sarà versato se Pieris vorrà mantenere la licenza oltre il 21 maggio. “Guadagnare l’accesso al prezioso anticorpo PD-1 permette a Pieris di sfruttare le capacità del suo anticorpo-Anticalin multispecifico con un inibitore del checkpoint immunitario”, afferma Stephen Yoder, Ceo di Pieris.

Anche le aziende  Heptares e Kymab hanno stretto una collaborazione in ambito immunoncologico. L’alleanza appaia la piattaforma StaR di Heptares  – che ha ricevuto una serie di offerte inclusa la sua da 3,3 miliardi di dollari (2,9 miliardi di euro) collegata a Allergan – con la piattaforma di scoperta di anticorpi Kymouse di Kymab. Heptares userà la sua piattaforma per creare antigeni basati su target di recettori accoppiati a proteine G selezionati congiuntamente, dopo di che Kymab userà i frutti del lavoro del suo partner e Kymouse per generare gli anticorpi. Le aziende divideranno il costo della scoperta e dello sviluppo.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*