GSK, Q2 condizionato dal lockdown. Tiene Shingrix

Condividi:
Share

(Reuters Health) – GlaxoSmithKline non centra l’obiettivo relativo alle stime sugli utili nel Q2, a causa della flessione delle vendite dei vaccini e dei farmaci durante il periodo cruciale della pandemia.

“Nel secondo trimestre, a causa del lockdown, le persone non hanno praticamente avuto la possibilità di accedere ai vaccini”, ha commentato la CEO Emma Walmsley nel corso della conferenza stampa di presentazione dei dati del Q2.
Ora GSK prevede per l’intero anno una diminuzione degli utili compresa tra l’1 e il 4%.

Le vendite di vaccini hanno totalizzato 1,1 miliardi di sterline, inferiori alle stime che si attestavano a di 1,26 miliardi.
Per quanto riguarda Shingrix, il vaccino blockbuster contro l’Herpes zoster, pur avendo fatto registrare una flessione come tutta la linea vaccini, ha avuto una performance superiore alle aspettative degli analisti.

L’azienda britannica ha sottolineato di non aver ricevuto alcun finanziamento governativo per produrre la sua tecnologia di potenziamento dell’efficacia del vaccino, usata in molte collaborazioni per la messa a punto di vaccini contro il COVID-19, inclusa quella con la francese Sanofi.

Fonte: Reuters Health News
(Versione italiana Dailly Health Industry)

Notizie correlate

Lascia un commento