FDA: in autunno “stretta” sulla medicina rigenerativa

31 agosto, 2017 nessun commento


(Reuters Health) – La FDA è preoccupata per il diffondersi di aspettative errate per quel che riguarda il campo della medicina rigenerativa e delle cellule staminali e decide di aumentare gli sforzi per la regolamentazione di questi prodotti, con una nuova normativa che dovrebbe arrivare in autunno. Secondo l’ente regolatorio americano, un piccolo numero di “attori senza scrupoli” avrebbe accresciuto le aspettative su terapie rigenerative e cellule staminali per indurre in errore i pazienti, senza avere prove e in alcuni casi pubblicizzando prodotti dubbi. La medicina rigenerativa utilizza cellule umane o tessuti ingegnerizzati o presi da donatori. LA FDA ha approvato alcuni tipi di trapianti di staminali, soprattutto a base di cellule del sangue o della pelle, a seguito dei risultati dei trial clinici nel trattamento di alcune forme di cancro e per sviluppare innesti cutanei destinati al trattamento delle ustioni. Ma molte potenziali terapie sono ancora nelle prima fasi di sviluppo. E proprio queste sarebbero pubblicizzate come promettenti, spesso sulla base di scarse prove a supporto di sicurezza ed efficacia. La FDA ha dichiarato di aver già preso delle misure per affrontare il problema con prodotti di dubbia provenienza commercializzati in Florida e California.

Fonte: Reuters Health News
(Versione italiana per Daily Health Industry)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*