Farmaci: Gilead cede candidato contro l’abuso di cocaina

17 febbraio, 2017 nessun commento


Dopo una breve parentesi in Gilead Science, il candidato contro l’assuefazione da sostanze d’abuso come cocaina e alcool è stato ceduto dall’azienda biotech americana ad Amygdala Neurosciences, i cui dirigenti erano a capo di CV Therapeutics, l’azienda che sviluppò il farmaco prima di essere acquisita da Gilead. ANS-6637 è un inibitore di ALDH2, pronto per la fase II di sperimentazione. Prove pre-cliniche sulla sua efficacia hanno mostrato che è in grado di sopprimere la produzione di dopamina, un neurotrasmettitore che aumenta nella parte del cervello coinvolta nel desiderio e nella ricompensa, quando vengono assunte sostanze stupefacenti. Attraverso questo meccanismo di azione il farmaco ridurrebbe l’aumento dei livelli di dopamina in quella specifica parte del cervello, senza alterare i normali livelli basali del neurotrasmettitore. E i ricercatori hanno messo insieme anche dati contro l’assuefazione da cocaina e oppiacei. L’obiettivo è ora quello di proseguire rapidamente con la ricerca, dal momento che finora il candidato è stato sperimentato solo in tre piccoli studi di fase I, ma deve ancora affrontare una prova clinica di efficacia. La storia di questo prodotto comincia in CV Therapeutics, l’azienda che per prima lo sviluppò. Nel 2009, CVT fu acquisita da Gilead Sciences per 1,4 miliardi di dollari, un’operazione che incrementò il portfolio dell’azienda biotech americana con prodotti come Ranexa, il farmaco per il trattamento dell’angina. Tra gli altri, Gilead acquisì anche il candidato per il trattamento dell’assuefazione da sostanze d’abuso, che rinominò GS-6637. La biotech americana avviò quindi un trial clinico di fase I sul farmaco. Gilead ha ora deciso di cedere questo candidato e lo consegna nelle mani di Lou Lange, presidente del Consiglio di Amministrazione di Amygdala ed ex-CEO di CVT, e di Peter Strumph, CEO di Amygdala ed ex-vicepresidente di CVT. I dettagli dell’operazione, tuttavia, non sono noti.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*