Dengue: al via trial globale di TAK-003 (Takeda)

9 settembre, 2016 nessun commento


Takeda ha avviato un trial globale di fase III sul suo vaccino contro la dengue, TAK-003. L’annuncio arriva pochi giorni dopo che l’azienda si è impegnata su un’altra infezione provocata da una zanzara, il virus Zika, grazie a un accordo da 312 milioni di dollari con il governo statunitense. Takeda ha vaccinato il primo soggetto in uno studio sulla dengue che includerà oltre 20.000 partecipanti tra i 4 e i 16 anni originari di nazioni endemiche latino-americane e asiatiche. “È una tappa cruciale negli sforzi per portare sul mercato il candidato, che è un tetravalente vivo attenuato” ha dichiarato Rajeev Venkayya, capo della divisione vaccini di Takeda.

Un mercato da un mld di dollari all’anno
Con questo studio, la big pharma giapponese compie un nuovo tentativo per rendere globale il suo business dei vaccini, ha osservato il Financial Times. Gli analisti hanno stimato che i vaccini anti-dengue potrebbero rappresentare un mercato da 1 miliardo di dollari all’anno, ma il lancio da parte di Sanofi di Dengvaxia ha di fatto cambiato il quadro della situazione. TAK-003 sarà somministrato in due dosi a distanza di 90 giorni nell’ambito di un trial in doppio cieco, controllato con placebo. I ricercatori esamineranno l’efficacia del vaccino nei quattro sierotipi di dengue “a prescindere dall’età dell’individuo e dalla sua precedente esposizione al virus o meno”. Questo ultimo punto si potrebbe rivelare molto importante in virtù del fatto che un nuovo studio ha dimostrato che Dengvaxia può provocare infezioni da dengue più gravi se usato in aree in cui la malattia non è comune.

Se Dengvaxia viene somministrato a una persona non infetta, “agisce in maniera molto simile a un’infezione naturale ma senza far ammalare i destinatari”, hanno dichiarato i ricercatori in un comunicato sullo studio. Quindi, se questa persona contrae il virus naturalmente, il suo sistema immunitario potrebbe trattarlo come una seconda infezione molto più seria. Takeda sta lavorando proprio per evitare questa situazione clinica. “Un vaccino ideale avrebbe un profilo di sicurezza accettabile e proteggerebbe contro i quattro tipi di virus sia negli adulti che nei bambini, a prescindere che siano stati precedentemente infettati da dengue o meno”, ha detto nell’annuncio dell’avvio del trial Duane Gubler, professore emerito presso la Duke-NUS Medical School.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*