Ausili per l’incontinenza: Santex a fianco dei pazienti anche durante l’emergenza da Covid-19

Condividi:
Share

Santex, azienda italiana specializzata nella fornitura di dispositivi assorbenti per incontinenza, rimane a fianco dei pazienti anche in questo momento di particolare emergenza da Coronavirus.

Fondata nel 1961, l’azienda si è evoluta negli anni, facendo della produzione 100% italiana uno dei suoi capi saldi. Coniugando il sapere della tradizione familiare, che contraddistingue la guida dell’azienda da tre generazioni, e l’innovazione tecnologica, Santex si è posizionata nel settore della salute e della sanità come partner di qualità ed esperienza.

Dal 1961 ad oggi, “tante sono le cose cambiate: lo stile di vita e i bisogni delle persone con incontinenza, l’organizzazione delle famiglie che devono occuparsi di un paziente fragile e molto altro”, dice Giuseppina Passarella, Marketing Manager di Santex. L’azienda ha seguito l’evolversi dei tempi: “è cresciuta, si è strutturata, ha continuato ad investire in macchinari, ricerca e innovazione – prosegue – e oggi siamo in grado di proporre una vasta gamma di soluzioni coprendo tutte le categorie di dispositivi, di taglie e di livelli di assorbenza”.

Qualificata nella produzione di dispositivi di medicazione e ortopedia, quali ad esempio garze e ovatta ortopedica, è nell’area dell’incontinenza che ha sviluppato la sua più profonda specializzazione, realizzando ausili assorbenti per tutti i livelli di incontinenza.

“Nei nostri due stabilimenti situati in provincia di Vicenza produciamo dispositivi per rispondere alle esigenze di pazienti e professionisti in diversi ambiti medici e sanitari”, spiega Passarella. “Ci occupiamo di incontinenza, progettando e realizzando ausili assorbenti che adeguati ad ogni livello di incontinenza, ponendo grande attenzione alla qualità e alle performance dei prodotti”.

Anche in relazione al progressivo invecchiamento della popolazione nei Paesi occidentali, “l’incontinenza rappresenta un disturbo che incide su una percentuale sempre più elevata di individui”. Al giorno d’oggi, prosegue, “gli anziani sono persone attive e attente alla qualità di quello che comprano e Santex si tiene al passo con l’evoluzione dei suoi consumatori per garantire risposte innovative e adeguate”.

Come in ogni altro, anche in questo settore l’innovazione tecnologica “ha avuto un grosso impatto e riveste tuttora un ruolo determinante nella realizzazione di soluzioni di qualità. Grazie all’utilizzo di moderne linee produttive e materie prime raffinate riusciamo a proporre dispositivi assorbenti che garantiscono protezione, comfort e discrezione”, specifica.

Difronte ad emergenze sanitarie come quella che stiamo attualmente vivendo, anche le aziende, ognuna nella propria area di competenza, devono porsi nella condizione di ridurre al minimo i disagi ed i rischi di contagio di ogni individuo. “Come è noto – racconta – Santex è titolare di diverse forniture che comportano, tra gli altri servizi previsti, l’invio al domicilio degli aventi diritto dei dispositivi medici per incontinenza. La nostra azienda raggiunge periodicamente migliaia di cittadini, molti dei quali si trovano ad affrontare difficoltà enormi, costretti, come tutti, al distanziamento sociale a causa dell’emergenza venutasi a creare. Il primo importante contributo che possiamo dare in questo momento è garantire la continuità del servizio nel rispetto della sicurezza dei dipendenti e dei collaboratori”, spiega ancora Passarella. “In accordo con le Regioni e le ASL dei territori in cui operiamo, abbiamo deciso di potenziare l’attività del nostro call center e attivare un supporto infermieristico da remoto, in modo da proseguire nel lavoro di assistenza normalmente offerto presso i distretti sanitari”, precisa.

Un esempio è portato dalla Regione Sardegna dove Santex si è impegnata a garantire la continuità della fornitura di ausili assorbenti per gli aventi diritto e per le aziende ospedaliere, implementando ulteriormente il servizio nel rispetto di tutte le norme di sicurezze necessarie a garantire il distanziamento sociale.

Conservando il suo quartier generale nell’area di Vicenza, l’azienda opera sia a livello nazionale, sia a livello internazionale, portando alta la bandiera del made in Italy .“La nostra azienda si è aperta negli ultimi anni ai mercati internazionali, riscontrando un interessante apprezzamento. Lo stile e la qualità dei nostri prodotti sono riconosciuti sia in Europa che negli altri Paesi, in particolare negli Stati Uniti. Ma non ci fermiamo qui: stiamo portando avanti una strategia di crescita ed espansione, attraverso lo sviluppo di importanti partnership che ci consentiranno in poco tempo di consolidare la nostra presenza all’estero”, prosegue Passarella.

Negli ultimi tre anni, l’azienda ha fatto registrare una crescita continua di fatturato, ma per il futuro è difficile fare previsioni. “Possiamo però dire che stiamo continuando a lavorare con impegno e dedizione per rispondere alla domanda che ci arriva dal mercato e in questo modo pensiamo di confermare, anche per questo anno, il trend di crescita registrato sino ad ora”, conclude Passarella.

Notizie correlate

Lascia un commento