Cancro del seno: buoni tassi di risposta del biosimilare di trastuzumab

5 dicembre, 2016 nessun commento


(Reuters Health) – Funziona il biosimilare del trastuzumab per il trattamento del cancro del seno con metastasi. Uno studio multicentrico di fase III pubblicato su Jama ha, infatti, dimostrato che il farmaco messo a punto da Mylan Pharmaceuticals sarebbe efficace quanto l’originator. Anche a livello di effetti collaterali, i due medicinali sarebbero simili.

La sperimentazione, coordinata da Hope Rugo, dell’Università della California di San Francisco, ha coinvolto 460 donne, di cui una metà ha ricevuto il biosimilare di Mylan, MYL-14010, e l’altra metà è stata trattata con il farmaco originator. La chemioterapia è stata somministrata per almeno 24 settimane, seguita da trastuzumab da solo fino alla comparsa di effetti tossici inaccettabili o alla progressione della malattia. Secondo i risultati raccolti, la risposta complessiva sarebbe stata del 70% per il biosimilare e del 64% per il farmaco originator.

A 48 settimane non è stata evidenziata alcuna differenza statisticamente significativa tra i due gruppi per quanto riguarda il tempo che passa per la progressione di malattia (41% biosimilare e 43% originator); la sopravvivenza libera da malattia, (44% vs 45%) e la sopravvivenza globale (89% vs 85%). La gran parte delle pazienti ha avuto almeno un evento avverso, più comunemente neutropenia (57% con biosimilare e 53% con originator), neuropatia periferica (23% con biosimilare e 25% con originator) e diarrea (21% per entrambi).

“Trastuzumab non è disponibile in tutto il mondo – hanno sottolineato gli autori nell’articolo – per questo un biosimilare potrebbe aumentare l’accesso a questa terapia antitumorale, a patto che la terapia abbia un prezzo sufficientemente basso da consentire alle donne di Paesi a basso reddito di accedervi”.

E proprio il prezzo sarà il fattore chiave, almeno secondo gli esperti che hanno scritto i due editoriali che accompagnavano l’articolo. “Nell’annunciare la richiesta di approvazione alla FDA per trastuzumab, gli sponsor del trial clinico hanno espresso il loro impegno comune per migliorare l’accesso a questi farmaci in tutto il mondo”, hanno scritto Howard Bauchner, editor-in-chief di JAMA, e colleghi. E per assolvere a questo impegno, “i produttori devono garantire che il prezzo del biosimilare sia responsabile e giusto”, hanno aggiunto.

Secondo Harold Burnstein, della Harvard Medical School di Boston, e Deborah Schrag, editore associato di JAMA, “a meno che il prezzo del biosimilare non sia inferiore del 25-30%, il trattamento resterà inaccessibile per troppi pazienti ancora. Questo studio apre la strada ai biosimilari nel campo dell’oncologia – hanno sottolineato i due esperti – che dovrebbero portare ad abbassare il prezzo dei medicinali per rendere l’accesso ai farmaci biologici contro il cancro più equo in tutto il mondo”, hanno concluso.

Fonte: JAMA

Reuters staff

(Versione Italiana per Daily Health News)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*