Farmaci e Trump, parlano i Ceo di Big Pharma

5 dicembre, 2016 nessun commento


(Reuters Health) – I principali dirigenti delle big pharma statunitensi hanno discusso per la prima volta i possibili cambiamenti per l’industria sotto il presidente eletto Donald Trump, e i problemi che hanno danneggiato la reputazione del comparto. Da quando è stato eletto, Trump, che ha detto di voler abrogare l’Obamacare e la riforma Medicare e Medicaid, non ha affrontato il nodo del netto aumento dei prezzi dei farmaci che ha dominato la campagna presidenziale.

Le aziende farmaceutiche stanno tirando un sospiro di sollievo, ma Trump potrebbe essere più critico di quanto l’industria si aspetti, avverte Brent Saunders, amministratore delegato di Allergan. Saunders, intervenendo al Forbes Healthcare Summit di New York, ha predetto che Trump potrebbe essere un “twittatore più cattivo” contro l’industria dei farmaci di quanto lo era stata la sua ex rivale democratica Hillary Clinton durante la campagna elettorale. I tweet della Clinton di impegnarsi in un giro di vite sugli aumenti dei prezzi esorbitanti dei farmaci hanno pesato in modo importante sulle azioni farmaceutiche dal suo primo tweet nel settembre 2015. Le azioni di Big Pharma sono aumentate nei giorni dopo l’elezione di Trump, quando i controlli dei prezzi proposti dalla Clinton erano fuori dai giochi. “Temo che oggi l’industria farmaceutica abbia un falso senso di sicurezza a causa della gestione Trump e di un Congresso controllato dai repubblicani”, ha detto Saunders.

Il CEO di Regeneron Pharmaceuticals Len Schleifer, parlando in un panel in occasione della conferenza di Forbes, ha detto che l’industria sarà vista in una cattiva luce finché manterrà la pratica comune degli aumenti di prezzo – spesso a due cifre – due volte l’anno su farmaci ampiamente utilizzati. “Noi come industria abbiamo usato gli aumenti di prezzo per colmare le lacune in materia di innovazione – sostiene Schleifer – Non si può dire ‘ho fissato il prezzo in base al valore del farmaco’ e poi avere questi aumenti di prezzo eclatanti”, ha aggiunto Schleifer ricordando che il valore di un farmaco per la società non aumenta ogni anno.

Il CEO di Pfizer Ian Read ha obiettato alla descrizione di Schleifer sugli aumenti dei prezzi, sostenendo che il costo dei farmaci da prescrizione inteso come percentuale della spesa complessiva sanitaria non era cambiato in due decenni. In un piano sanitario americano rivisto sotto Trump, Read ha detto che vorrebbe vedere lo spostamento del rischio finanziario dagli assicuratori ai fornitori, come ad esempio gli ospedali, con l’accento sulla prevenzione e sul benessere. “Date loro gli strumenti, la libertà e l’incentivo per gestire questo rischio”, ha invitato Read.

Separatamente, il CEO di Merck & Co Ken Frazier ha detto che pensa che una delle proposte politiche di riforma sanitaria di Trump – che consente l’importazione di farmaci meno costosi da altri Paesi – non funzionerà. Gli Stati Uniti pagano più di qualsiasi altro Paese per i medicinali, e l’attuale legge negli Usa vieta l’importazione di farmaci provenienti da altri Paesi dove costano molto meno. “Io non credo che sia possibile”, ha detto Frazier, nel corso di un’intervista alla CNBC, dopo la sua apparizione alla conferenza. “Ogni volta che abbiamo cercato di farlo, nessun commissario della FDA è mai stato disposto a certificare la sicurezza di questi farmaci”.

Ransdell Pierson e Bill Berkrot

(Versione Italiana per Daily Health News)

Credit: Joseph Sohm / Shutterstock.com

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*