AstraZeneca, alleanza mondiale contro il cancro al polmone

24 Luglio, 2019 nessun commento


Condividi:
Share

AstraZeneca vuole raddoppiare il tasso di sopravvivenza del carcinoma polmonare, portandolo a cinque anni, entro il 2025. Questo è un obiettivo ambizioso per una malattia che è la principale causa di morte per cancro negli Stati Uniti.

Ma AZ non ha intenzione di farlo da sola. Infatti la società è uno dei quattro soci fondatori della nuova Lung Ambition Alliance, che cerca di fare per il carcinoma polmonare ciò che è stato fatto per il carcinoma mammario⁠.

In pratica, l’obiettivo è quello di promuovere un sistema basato su questi concetti fondamentali: consapevolezza, screening, diagnosi precoce, supporto, ricerca e trattamenti innovativi per aumentare i tassi di sopravvivenza dei pazienti.

Oltre alla casa farmaceutica inglese, la Lung Ambition Alliance è composta da associazioni scientifiche, di pazienti e difensori dei pazienti (Global Lung Cancer Coalition) e da una azienda di diagnostica (Guardant Health).

Si tratta quindi di un gruppo diversificato, ma con obiettivi specifici. Sono già quattro i progetti in corso per affrontare una varietà di problemi specifici del carcinoma polmonare.

“Crediamo tutti che i nuovi progressi stiano fornendo nuove possibilità per migliorare la diagnosi, il trattamento e la gestione del cancro del polmone. C’è motivo di credere che, grazie ai progressi scientifici che stiamo facendo, esista l’opportunità di influenzare in modo significativo l’evoluzione del cancro del polmone come mai in passato”, dice David Fredrickson, Executive VP e responsabile globale della divisione oncologica di AZ.

I progetti che l’Alleanza ha avviato abbracciano una serie di aree tematiche tra cui l’uso della tecnologia per affrontare le barriere tra Stato e Stato per uno screening diffuso.

Si tratta di un progetto che affronta l’importanza della stadiazione accurata della patologia e che comprende un’iniziativa terapeutica del cancro del polmone. Progetti pilota con gruppi di pazienti cominceranno entro la fine dell’anno.

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*