Eli Lilly: oltre 47 mln di dollari per antidolorifico di Centrexion

Eli Lilly: oltre 47 mln di dollari per antidolorifico di Centrexion
Condividi:
Share

Con 47,5 milioni di dollari in anticipo Eli Lilly ha ottenuto da Centrexion Therapeutics la licenza di CNTX-0290, candidato antidolorifico di fase 1 non oppioide.

La biotech otterrà 575 milioni in milestones e altri 375 milion di dollari se il farmaco raggiungerà il mercato.

CNTX-0290, è un agonista del recettore della somatostatina di piccole molecole di tipo 4 (SSTR4). Centrexion lo sta sviluppando per combattere il dolore cronico legato a condizioni infiammatorie, neuropatiche e miste.

È il secondo farmaco più avanzato della biotech dopo quello contro l’artrite, CNTX-4975, una forma sintetizzata di capsaicina.

“Questa collaborazione segna un passo importante per Centrexion nel progresso della sua pipeline e dimostra la nostra capacità di identificare attività promettenti in fase iniziale che lavorano a nuovi obiettivi contro il dolore cronico”, ha dichiarato Jeffrey Kindler, l’ex CEO di Pfizer che ora lavora a Centrexion. “Il solido portafoglio di gestione del dolore di Lilly e la sua capacità nello sviluppo e nella commercializzazione di nuove terapie la rendono la compagnia ideale per l’avanzamento di CNTX-0290”.

Sebbene Lilly abbia ora i diritti esclusivi in tutto il mondo per il farmaco, i due partner potrebbero decidere di venderlo insieme negli Stati Uniti.

Jeff Kindler si è ritirato da Pfizer nel 2010 e si è unito al team che ha lanciato Centrexion nel 2013.
Tre anni dopo, la società ha ottenuto tre programmi concessi in licenza da Boehringer Ingelheim: CNTX-0290, CNTX-6970 , un antagonista selettivo di citochine CCR2, e CNTX-6016, un agonista cannabinoide CB2.

Taggato con:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*