Sanofi: ok FDA a sutimlimab-jome (anemia emolitica autoimmune da agglutinine fredde)

Condividi:
Share

La FDA ha approvato il trattamento con sutimlimab-jome per ridurre la necessità di trasfusioni di globuli rossi in soggetti adulti affetti da anemia emolitica da agglutinine fredde (CAD). Sutimlimab è il primo e unico trattamento approvato per le persone con CAD e funziona inibendo la distruzione dei globuli rossi.

“Ad oggi, chi vive con anemia emolitica da agglutinine fredde non aveva alcuna opzione di trattamento approvata per gestire la costante distruzione dei globuli rossi – osserva Bill Sibold, Executive Vice President, Head of Specialty Care di Sanofi – Senza globuli rossi sani e vitali, si può innescare una reazione a catena di segni e sintomi debilitanti, a partire da una grave anemia. Sutimlimab è l’unico trattamento approvato in grado di inibire la distruzione dei globuli rossi nella CAD e aiutare a fermare la reazione a catena dall’inizio”.

Sutimlimab è un anticorpo monoclonale umanizzato progettato per colpire e inibire selettivamente il componente C1s nella via classica del complemento, un sistema di proteine plasmatiche che fa parte del sistema immunitario innato. Bloccando C1s, sutimlimab inibisce l’attivazione della via classica del complemento nel sistema immunitario e inibisce l’emolisi attivata da C1 nel CAD per prevenire la distruzione anomala dei globuli rossi sani. Sutimlimab non inibisce la via della lectina e quella alternativa del complemento.

L’approvazione della FDA si basa sui risultati positivi ottenuti dallo studio registrativo di fase 3 a braccio singolo e in aperto a 26 settimane in pazienti con CAD (n=24) che hanno una storia recente di trasfusione di sangue, noto anche come studio CARDINAL.

Nello studio, sutimlimab ha soddisfatto il suo endpoint primario di efficacia, che era un endpoint composito definito come la proporzione di pazienti che raggiungevano la normalizzazione del livello di emoglobina (Hgb) ≥12 g/dL o un aumento dal basale del livello di Hgb ≥2 g/dL al punto temporale di valutazione del trattamento (valore medio dalle settimane 23, 25 e 26) senza nessuna trasfusione di sangue e senza assumere farmaci vietati dal protocollo dalla settimana 5 alla 26. Anche gli endpoint secondari dello studio sono stati soddisfatti, compresi i miglioramenti dell’emoglobina e la normalizzazione del livello di bilirubina.

La maggior parte dei pazienti ha soddisfatto i criteri dell’endpoint primario composito con più della metà dei pazienti che ha raggiunto un’emoglobina ≥ 12 g/dl o un aumento di almeno 2 g/dl; due terzi dei pazienti sono rimasti senza trasfusioni dopo la quinta settimana e la quasi totalità dei pazienti non ha utilizzato altri trattamenti correlati alla CAD.

Nello studio CARDINAL le reazioni avverse più comuni che si sono verificate nel 10% o più dei pazienti sono state infezioni del tratto respiratorio, infezioni virali, diarrea, dispepsia, tosse, artralgia, artrite ed edema periferico. In una bassa percentuale di pazienti che hanno ricevuto sutimlimab sono state riportate reazioni avverse gravi . Queste reazioni avverse gravi erano sepsi streptococcica e infezione della ferita da stafilococco, artralgia e infezione del tratto respiratorio. Nessuna delle reazioni avverse ha portato all’interruzione del trattamento con sutimlimab nello studio. Le interruzioni del dosaggio a causa di una reazione avversa si sono verificate in meno di un quinto dei pazienti trattati con sutimlimab.

Dopo il completamento del periodo di trattamento di 26 settimane dello studio CARDINAL (Parte A), i pazienti idonei hanno continuato ad essere trattati con sutimlimab in uno studio di estensione.

Sutimlimab è somministrato per via endovenosa. Sutimlimab ha ricevuto dalla FDA la designazione di Breakthrough Therapy e Orphan Drug, e la revisione prioritaria, che è riservata ai farmaci che, una volta approvati, rappresenterebbero miglioramenti significativi in termini di sicurezza o efficacia nel trattamento di condizioni gravi. Al di fuori degli Stati Uniti, sutimlimab è stato presentato alle autorità di regolamentazione in Europa e Giappone e le revisioni sono in corso.

 

Notizie correlate

Lascia un commento



SICS Srl | Partita IVA: 07639150965

Sede legale: Via Giacomo Peroni, 400 - 00131 Roma
Sede operativa: Via della Stelletta, 23 - 00186 Roma

Daily Health Industry © 2022