Nestlé rinnova l’impegno sui farmaci per il microbioma

Condividi:
Share

Nestlé Health Science ha stretto una partnership con la società biotech francese Enterome nell’ambito della ricerca e della messa a punto di farmaci per il microbioma.

L’accordo è incentrato principalmente su un candidato farmaco di Enterome contro le malattie immunitarie, denominato EB1010, che potrebbe diventare un trattamento per le allergie alimentari e le malattie infiammatorie intestinali. Il farmaco entrerà in sperimentazione clinica nel 2023.

Per l’intero accordo, Enterome riceverà da Nestlé 40 milioni di euro in contanti e un pacchetto di azioni. Sono previste remunerazioni aggiuntive al raggiungimento di determinati traguardi clinici e di vendita, nonché royalties sulle vendite di eventuali candidati farmaci che riceveranno l’approvazione normativa.

Con questo ultimo accordo Nestlé rinnova il suo interesse nell’ambito delle patologie legate al microbioma. La multinazionale ha aveva già stretto una collaborazione con Seres Therapeutics per commercializzare SER-109, un candidato mirato al microbioma destinato ad aiutare i pazienti con infezioni ricorrenti da Clostridioides difficile.

Prima dell’accordo con Seres, Nestlé aveva acquisito Aimmune Therapeutics, lo sviluppatore biotecnologico di Palforzia, trattamento per le allergie verso le arachidi.

 

Notizie correlate

Lascia un commento



SICS Srl | Partita IVA: 07639150965

Sede legale: Via Giacomo Peroni, 400 - 00131 Roma
Sede operativa: Via della Stelletta, 23 - 00186 Roma

Daily Health Industry © 2022