Logistica farmaci, Interporto di Livorno hub per centro Italia

Condividi:
Share

L’Interporto livornese Vespucci “sarà il luogo dove nascerà Toscana Pharma Valley, la piattaforma logistica del Centro Italia per la movimentazione dei farmaci”.

Lo ha annunciato il sindaco di Livorno Luca Salvetti in occasione della presentazione del progetto, la piattaforma logistico digitale Life sciences, promosso da Regione Toscana e dalla rete Toscana Pharma Valley con la partecipazione dell’Autorità di sistema portuale, del Comune di Collesalvetti e dello stesso Interporto Vespucci, organizzato in collaborazione con Confindustria Toscana.

“Un progetto – ha sottolineato Salvetti – di cui si parlava da tempo, a cui tanti altri territori aspiravano e che sarà invece fatto nell’area Livorno-Collesalvetti. Privati che, in asse con il pubblico, investono in maniera significativa sul nostro territorio, creando attività innovative e avanzate e importanti occasioni occupazionali per i livornesi”.

Si tratta della realizzazione di un grande hub dedicato alla farmaceutica per il Centro Italia. Non solo un magazzino fisico, ma una piattaforma digitalizzata in grado di gestire i flussi di farmaci e componenti, una filiera capace di offrire tutta una serie di servizi alla rete di imprese private ed eventualmente anche aziende pubbliche che decideranno di servirsene.

“Un ruolo determinante, per il via libera all’investimento da parte della rete Toscana Pharma Valley, è stato nelle ultime settimane garantito dalla presidenza di Regione Toscana”, ha ricordato il governatore Eugenio Giani che ha partecipato alla presentazione della piattaforma. “Un ruolo determinante l’ha dato la Regione – ha spiegato – perché quando si è infatti trattato di stringere i ranghi e trovare le ultime quadrature con Bcube, il fondo P3 Logistic Parks, l’Interporto ed il Gruppo Fremura, proprietari del terreno, la Kpmg e le imprese della rete Toscana Pharma Valley, solo l’intervento pubblico ha consentito di contemperare i diversi interessi economici, privati, territoriali in gioco, ricomprendendoli all’interno di un più ampio interesse generale e regionale”. Per Giani “si tratta quindi di un’iniziativa determinante per il futuro della Regione, da più punti di vista”.

I lavori dovrebbero cominciare nel mese di luglio, per concludersi nel 2024.

Notizie correlate

Lascia un commento



SICS Srl | Partita IVA: 07639150965

Sede legale: Via Giacomo Peroni, 400 - 00131 Roma
Sede operativa: Via della Stelletta, 23 - 00186 Roma

Daily Health Industry © 2022