Farmaci orfani, è arrivato il momento della svolta?

Condividi:
Share

La progressione nella comprensione delle malattie ha “condotto” i farmaci orfani fuori dalla nicchia, sviluppando nel contempo una rapida accelerazione della crescita del mercato di questi medicinali. È quanto evidenzia l’Orphan Drug Report 2022 di Evaluate.

Di pari passo con queste novità, gli esperti auspicano che anche la legislazione sui farmaci orfani cambierà in USA e UE; il regolamento sui farmaci orfani europeo risale al 1999 e l’Orphan Drug Act americano ha ormai 40 anni.

Negli USA sono state avanzate proposte per riformare il percorso di approvazione accelerata, fondamentale per i farmaci orfani. Anche l’UE sta rivedendo il quadro dei farmaci orfani, dopo che un report del 2020 ha evidenziato che per alcune malattie rare il mercato è simile a quello dei farmaci tradizionali.

La nuova legislazione dovrà comunque promuovere l’innovazione e gli investimenti e generare risultati tecnologici positivi.

Il mercato dei farmaci orfani ha dunque il potenziale per diventare più accessibile alla comunità dei pazienti con malattie rare. Ormai, infatti, è evidente che per le aziende c’è un significativo ritorno commerciale e la possibilità di realizzare fusioni e acquisizioni anche in questo ambito.

Lo sviluppo di farmaci per malattie rare, come evidenziano gli esperti, è complesso e oneroso, con i costi che spesso ricadono sui pazienti, ma avere un buon numero di aziende farmaceutiche che entrano in questo mercato significa generare maggiore competizione, con possibile riduzione dei costi.

 

Notizie correlate

Lascia un commento



SICS S.r.l. Via Boncompagni 16 - 00187 Roma
Partita IVA: 07639150965

Daily Health Industry © 2022