COVID, nella corsa alla cura c’è anche Djokovic

Condividi:
Share

(Reuters) – La pandemia di COVID-19 ha bloccato la marcia di Novak Djokovic nella storia del tennis, ma il trentaquattrenne tennista serbo – al centro di un dibattito mondiale sui vaccini per il fallito tentativo di entrare in Australia senza essere vaccinato – ha investito nella ricerca per contribuire a cercare una soluzione all’attuale emergenza sanitaria.

Djokovic, infatti, detiene una partecipazione di maggioranza in QuantBioRes, un’azienda biotech danese che punta a sviluppare un trattamento contro il COVID-19, come dichiarato dal CEO della società, Ivan Loncarevic, che ha spiegato che l’acquisizione dell’80% della partecipazione da parte del tennista si è conclusa nel giugno 2020.

L’azienda – con ricercatori in Danimarca, Australia e Slovenia – sta sviluppando un peptide che impedisce al Coronavirus di infettare le cellule umane e prevede di avviare studi clinici nel Regno Unito. Loncarevic ha specificato che il farmaco non è un vaccino.

Fonte: Reuters
(Versione italiana Daily Health Industry)

Notizie correlate

Lascia un commento



SICS Srl | Partita IVA: 07639150965

Sede legale: Via Giacomo Peroni, 400 - 00131 Roma
Sede operativa: Via della Stelletta, 23 - 00186 Roma

Daily Health Industry © 2022