BioNTech, progressi nel settore delle CAR-T

Condividi:
Share

Non solo vaccini per BioNTech. L’azienda tedesca ha presentato risultati incoraggianti di uno studio di fase 1/ 2 relativo a BNT-211 nel trattamento di alcuni tumori solidi. Si tratta di una terapia CAR-T diretta contro l’antigene claudina-6 sulle cellule tumorali, somministrata insieme al vaccino a mRNA che ne amplifica l’attività terapeutica. I risultati sono stati presentati all’incontro annuale dell’European Society of Medical Oncology.

In particolare, il vaccino accoppiato alla terapia agisce stimolando l’espressione della claudina-6 sulle cellule. BioNTech spera che questo duplice approccio possa sbloccare il potenziale uso delle CAR-T nei tumori solidi, resistenti alla terapia cellulare. Sulla base di questi risultati BNT-211 ha recentemente ottenuto lo status di Priority Medicines dall’EMA; una designazione che potrebbe accelerarne la revisione normativa, se raggiungerà questa fase.

BioNtech aveva già reso noti dati preliminari relativi BNT-211 in una gamma di tumori solidi avanzati recidivanti o refrattari all’AACR di aprile 2022 e li ha aggiornati in occasione dell’ESMO.

I nuovi dati arrivano da 22 pazienti con tumori solidi recidivanti, claudina-6 positivi, trattati con una serie di dosi di CAR-T, somministrato da solo o in combinazione con CARVac.

Dei 21 pazienti valutabili, il tasso di risposta globale è stato del 33% con un controllo della malattia del 67%. Un paziente ha avuto una risposta completa, altri sei hanno avuto risposte parziali, mentre sette hanno avuto una stabilizzazione della malattia. Il target dello studio è quello di arruolare 96 pazienti.

Notizie correlate

Lascia un commento



SICS Srl | Partita IVA: 07639150965

Sede legale: Via Giacomo Peroni, 400 - 00131 Roma
Sede operativa: Via della Stelletta, 23 - 00186 Roma

Daily Health Industry © 2022