WebMD e Medscape puntano su mobile e video

21 aprile, 2016 nessun commento


 

Il mondo del digitale non è stato ancora “spremuto” quanto potrebbe dal marketing delle case farmaceutiche. Alcuni anni fa gli esperti stimavano che circa il 5% del bilancio di una pharma sarebbe stato dedicato al digitale, ma adesso la fetta sembrerebbe essere aumentata al 10-15%, secondo quanto affermato da David Schlanger CEO WebMD durante la conferenza sanitaria mondiale di Leerink. “Nel 2014 abbiamo osservato che il 34% dei nostri ricavi pubblicitari arrivava dal mercato del mobile”. Gli annunci delle aziende farmaceutiche si stanno spostando dall’offline all’online e mobile e siti o app come WebMD o Medscape sono i principali beneficiari di questa tendenza.

“Il mobile è stato un driver di traffico forte per noi negli ultimi anni e ci aspettiamo che possa continuare”, ha concluso Schlanger durante la conferenza. Più di 75 milioni di consumatori visitano WebMD negli Stati Uniti ogni mese, 650.000 medici americani e 1,5 a livello globale su Medscape. Il 70% della pubblicità globale della società proviene dal settore biofarmaceutico.

Il digitale inoltre è un importante veicolo di marketing per tutti quei trattamenti speciali di nicchia rivolti a piccole popolazioni di pazienti, come può essere il caso delle patologie rare o ultrarare.

“Siamo molto attenti al mobile – ha aggiunto Schlanger – e una delle nostre priorità adesso è fare in modo che i contenuti di WebMD e Medscape siamo disponibili sulle piattaforme mobili. Abbiamo iniziato nel 2015 ad investire affinché i nostri siti non siano solo ottimizzati per la ricerca, ma possano anche fornire contenuti in grado di creare viralità sulle piattaforme sociali. Il video ad esempio è un esempio di contenuto sociale altamente condivisibile e infatti WebMD nel 2016 punterà molto sulla creazione di più contenuti video”.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*