ViiV Healthcare, HIV: da Ce ok a cabotegravir/rilpivirina (Janssen)

Condividi:
Share

La Commissione europea ha dato l’autorizzazione all’immissione in commercio per cabotegravir (iniezione e compresse) di Viiv Healthare in combinazione con rilpivirina (iniezione e compresse) di Janssen, per il trattamento dell’infezione da HIV-1 in adulti virologicamente soppressi.

L’iniezione di cabotegravir è indicata, in combinazione con quella di rilpivirina, per il trattamento dell’infezione da Virus dell’Immunodeficienza Umana di tipo 1 (HIV-1) negli adulti virologicamente soppressi (HIV-1 RNA <50 copie/mL) con un regime antiretrovirale stabile senza attuali o precedenti evidenze di resistenza virale, e nessun precedente fallimento virologico con agenti della classe NNRTI e INI.

Grazie a questa autorizzazione, per la prima volta, le persone che vivono con HIV in Europa possono ricevere un trattamento iniettabile a lunga durata d’azione che elimina, dopo l’iniziale fase di trattamento per via orale, la necessità di assumere quotidianamente le compresse orali.

“In ViiV Healthcare ci spingiamo oltre le frontiere per offrire nuove opzioni di trattamento che contribuiranno a fare la differenza nella vita delle persone – commenta Deborah Waterhouse, CEO, ViiV Healthcare – Abbiamo visto dai risultati riportati dai pazienti nei nostri studi clinici registrativi che circa 9 persone su 10 passate al regime a lunga durata d’azione lo preferivano rispetto alle compresse orali giornaliere che assumevano precedentemente. Potenzialmente cambierà l’esperienza del trattamento per alcune persone che vivono con l’HIV eliminando la necessità di compresse quotidiane per l’HIV. Siamo impegnati a perseguire una ricerca innovativa per soddisfare le diverse esigenze della comunità HIV, e non ci fermeremo finché non avremo a disposizione più modalità per trattare, e si spera un giorno curare, l’HIV.”

L’autorizzazione all’immissione in commercio si basa sugli studi di fase III ATLAS (Antiretroviral Therapy as Long-Acting Suppression), FLAIR (First Long-Acting Injectable Regimen) e ATLAS-2M, che hanno coinvolto più di 1.200 partecipanti di 16 paesi.

Cabotegravir e rilpivirina vengono co-somministrati con due iniezioni intramuscolari (IM) nei glutei da un operatore sanitario nel corso dello stesso appuntamento.

Notizie correlate

Lascia un commento